Marolla (IdV) :comincia la campagna elettorale con le calunnie e le falsità dei soliti personaggi

Segue nota del dott. Matteo Marolla, già sindaco di Torremaggiore per due mandati; la responsabilità del contenuto è ESCLUSIVAMENTE dell’autore.

In un volantino diffuso a firma di uno “Studio di Consulenza Associato” si afferma che “l’ex sindaco Marolla ha sempre nascosto la verità sul PEEP e vedendosi braccato si è prima venduto l’appartamento che aveva in quella zona e, per essere tutelato, si è rifugiato sotto la protezione del dott. Piero Ippolito”.
Tre righi di calunnia vergognosa ispirati probabilmente da chi, anche dopo tanti anni, non ha ancora capito (e non lo capirà mai) che la politica vera e trasparente si fa con i progetti, con il servizio e l’ascolto dei cittadini e non con le falsità che sono spettro di debolezza, bassezza, volgarità, paura!
COME STANNO LE COSE?
1. “l’ex sindaco Marolla ha sempre nascosto la verità sul PEEP”: Non è vero! Il sottoscritto ha affrontato con serietà e responsabilità questo problema risolvendo tutte le situazioni pendenti che allora erano risolvibili, anche grazie ad una legge dello Stato di cui abbiamo saputo beneficiare con capacità ed intelligenza amministrativa. Ne sono testimonianza tutte le pratiche concluse in quell’epoca, le numerosissime transazioni definite con i proprietari dei terreni e le tante notti di lavoro con dirigenti ed assessori (l’ex assessore Campanella lo dovrebbe ricordare), affinché non scadessero i termini. Le situazioni che poi sono emerse non si sono potute risolvere, perché nelle riunioni fatte con i rappresentanti degli assegnatari, questi hanno scelto liberamente di non accettare la proposta di transazione e di aspettare i giudizi in corso!
2. “vedendosi braccato si è prima venduto l’appartamento che aveva in quella zona…”: qui la calunnia fa davvero ridere in quanto il sottoscritto sarebbe stato così furbo (siccome era braccato!) da vendersi l’appartamento in zona PEEP, per andare ad acquistarne (con mutuo a 15 anni!) un altro non in zone “sicure”, al riparo di eventuali “braccaggi”, ma nella stessa zona PEEP, per il quale ha ricevuto una notifica di risarcimento del costo del suolo e degli oneri di urbanizzazione, ammontante a più del doppio di quello precedente!
3. “ per essere tutelato, si è rifugiato sotto la protezione del dott. Piero Ippolito”: FALSO! Perché per tutelarsi il sottoscritto si è rivolto ad un legale di fiducia come hanno fatto tanti altri cittadini.
La scelta del dott. Ippolito, invece, l’abbiamo fatta collegialmente e democraticamente come coalizione “DEMOCRAZIA E SVILUPPO”, non per tutelare il sottoscritto, ma per dare alla nostra città un Governo serio capace di guardare al futuro.
Chi pensava invece che Torremaggiore fosse solo una merce di scambio da utilizzare negli accordi di potere e di spartizione fatti a Foggia, per accontentare esclusivamente i bisogni di poltrona e di carriera degli stessi noti personaggi locali, è stato smascherato e si difende con le uniche armi che conosce: calunnia e falsità.

Matteo Marolla
Torremaggiore, 16.04.2012