Il segretario UdC on. CESA a Torremaggiore il 20 aprile per supportare Costanzo Di Iorio

Il SEgretario dell’UdC on.Lorenzo Cesa sarà alle 20.30 a Torremaggiore, in piazza della Repubblica al fianco del candidato sindaco dell’UdC, Costanzo Di Iorio, e della coalizione di centrosinistra. Presente anche il Sindaco di San Marco in Lamis on. Angelo Cera.

Segue comunicato stampa

Incentivi alle imprese che decideranno di investire ed assumere nuove figure a Torremaggiore. E’ questo uno dei punti salienti del programma della coalizione di centrosinistra che sostiene la candidatura di Costanzo Di Iorio a sindaco di Torremaggiore, che è stato presentato ai cittadini in un pubblico comizio svolto domenica scorsa in una affollata piazza della Repubblica. Alla presenza di tutti i segretari di partito, Costanzo Di Iorio ha parlato ai cittadini dell’immediata risoluzione del Pip, il piano integratato per le produzioni, che verrà distinto in tre grandi aree; la prima riguarda un’area industriale per i grandi insediamenti produttivi provenienti da altre regioni, la seconda riguarda un’area locale per lo sviluppo delle imprese della zona, e la terza sarà un’area dove sorgeranno rimesse per le attrezzature agricole. Nel programma, inoltre, è previsto anche il rifacimento dei tratturelli interpoderali per la viabilità agricola, mentre per le aziende che vorranno investire ed assumere a Torremaggiore ci sarà uno sgravio fiscale da parte del Comune sull’acquisto dei terreni dove sorgeranno le nuove imprese. In caso di vittoria della coalizione di centrosinistra e dell’elezione a sindaco di Costanzo Di Iorio, è previsto che il Comune paghi gli oneri relativi agli interessi dei prestiti effettuati dai giovani imprenditori sotto i 40 anni, e farà da garante con le banche e gli istituti di credito per la concessioni di finanziamenti. Durante il comizio è stata anche annunciata la costruzione di una pesa pubblica ed un deciso aiuto per salvare la cooperativa vitivinicola “Fortore”, azienda storica di Torremaggiore, che negli ultimi anni è stata gestita politicamente. Costanzo Di Iorio ha poi precisato che non ci saranno remore nei confronti di chi ha cagionato questo momento di difficoltà per una delle aziende storiche dell’alto Tavoliere.