Il virus ferma la tradizione ma non la devozione per Maria Santissima della Fontana

Sarà una festa di sole preghiere quella dedicata a Maria Santissima della Fontana in questo Aprile 2020, perché la solenne processione ed annessi festeggiamenti previsti,come da tradizione il martedì e mercoledì dopo la Santa Pasqua, non avranno luogo a causa della situazione di emergenza sanitaria dovuta al COVID-19. È dal lontano Lunedì dell’Angelo del 19 Aprile 1897, data della benedizione del gruppo statuario ligneo da parte del vescovo di San Severo e della prima processione in onore di Maria Santissima della Fontana, che la Popolazione di Torremaggiore, puntualmente ed ogni anno, onora il culto della Vergine con la processione del simulacro per le strade del paese.

La più antica foto pervenuta della processione di Maria SS.ma della Fontana degli inizi ‘900

Grande e profonda è sempre stata la devozione dei Torremaggioresi nei confronti della Madonna, a cui la popolazione si è sempre affidata, soprattutto in momenti critici. Un culto centenario che si è rinnovato ed ampliato, anno dopo anno, diventando espressione di profonda religiosità collettiva e di massiccia partecipazione.

Negli anni successivi ai primi, i festeggiamenti liturgici e popolari saranno posticipati al martedì dopo la Santa Pasqua, caratterizzati anche da una crescente partecipazione di fedeli provenienti dai paesi limitrofi a Torremaggiore.

Quello che oggi è il Santuario dedicato alla Madonna della Fontana ha origini molto antiche; infatti la primitiva cappella di Santa Maria dell’Arco, fondata dai monaci benedettini e costruita nei pressi di una fonte sorgiva, risale all’ XI secolo ed era situata a circa 200 metri dall’Abbazia benedettina di San Pietro di Torremaggiore. In seguito sarà data alla chiesa la denominazione di Santa Maria della Fontana proprio per la presenza della fonte d’acqua nelle immediate vicinanze.

La chiesa diventa meta di pellegrinaggi, sempre più numerosi, tanto da farla rientrare nel percorso dei grandi santuari dauni, come lo era quello dedicato all’Arcangelo Michele a Monte Sant’Angelo. Lo spessore della devozione è testimoniato, fin dai tempi più antichi, da numerosissimi ex voto, donazioni e arredi sacri.

Ex voto di Pasquale Marino “Brigantaggio”. Tela. Anno 1892. Conservata nella Galleria degli ex voto nel Santuario Maria SS.ma della Fontana.

Si dovrà aspettare il 24 Aprile del 1960 perché si compia il percorso che portò all’elevazione a Santuario della chiesa, su iniziativa del Comitato pro Santuario.

P.zza Martiri a Torremaggiore 24 Aprile 1960. Solenne cerimonia di elevazione a Santuario della Chiesa della Fontana.
Articolo dell’epoca da “Il Quotidiano”, Giornale del Mattino n. 301 del 23 Dicembre 1959.

Altra data saliente che ha segnato la storia del culto mariano di Torremaggiore è quella del 23 Ottobre 1983, giorno in cui Maria Santissima della Fontana viene incoronata Regina. La solenne cerimonia dell’incoronazione della statua si svolse nella Piazza adiacente la chiesa, Piazza della Fontana rinominata, dopo questa occasione, Piazza Incoronazione (25 Aprile 1985) alla presenza di autorità cittadine ed ecclesiastiche e ad un’immensa folla di fedeli.

(23 ottobre 1983) INCORONAZIONE MADONNA della FONTANA (Foto di Severino Carlucci)

La storia del Santuario e della sua Madonna è indissolubilmente legata alla tradizione religiosa e alla devozione popolare, ma anche a colui che, con la sua dedizione e il suo operato di Parroco, ha permesso di incrementare il culto della Madonna della Fontana nella comunità di Torremaggiore.

 Don Dario Faienza (15/02/1938 – 28/02/2018) fu nominato Parroco del Santuario il 1 Febbraio 1981 e da quel momento in poi ha dedicato tutto il resto della vita, nonché risorse ed energie, al miglioramento del Santuario. Tra le tante iniziative si ricorda il completamento dei lavori di restauro della chiesa e l’iniziativa di incoronare Regina la Madonna della Fontana. Fu sua anche l’idea, nel 1989, di istituire la seconda processione pomeridiana del mercoledì dopo quella mattutina del martedì. Negli anni novanta del secolo scorso Don Dario si è anche adoperato per reperire fondi destinati al restauro integrale delle tavolette votive degli ex voto, il cui patrimonio artistico e religioso è di notevole importanza. Basti pensare che alcune rare tavolette, raffiguranti tematiche legate alla giustizia ed al brigantaggio, sono uniche in tutta la Puglia. Le stesse sono tuttora esposte nella galleria adiacente al Santuario. 

Don Dario Faienza.

Il popolo di Torremaggiore ha sempre rivolto preghiere e suppliche alla sua amata Madonna della Fontana con la certezza di essere ascoltato ed esaudito e con la stessa profonda devozione le fa onore con i festeggiamenti annuali a Lei dedicati. In questo Aprile 2020, in cui il mondo intero attraversa uno dei periodi più bui della storia, i Torremaggioresi festeggeranno ugualmente la Santa Vergine, ma in un modo diverso e forse a Lei ancor più gradito: con preghiere silenziose e sincere, che dal profondo dei cuori si alzeranno fino al Cielo per trovare conforto e speranza. 

Programma celebrazioni Liturgiche della Parrocchia Santuario Maria SS.ma della Fontana.


R.R. – BIBLIOGRAFIA per notizie e foto storiche: 
“IL CULTO DELLA MADONNA DELLA FONTANA A TORREMAGGIORE (1000-1965)” Vol. I di Ciro Panzone;
– Sito web “I fontanari Torremaggioresi” per notizie e foto di Severino Carlucci.