Fratelli d’Italia Torremaggiore: basta menzogne sulle condanne di Fitto, ecco la verità

Capisci che la campagna elettorale per le #regionali è entrata nel vivo quando cominciano a fioccare le #fakenews e i sedicenti intellettuali di sinistra, anziché elogiare “i meriti” del proprio candidato alla Presidenza e della giunta regionale uscente, cercano di delegittimare con ogni mezzo l’avversario dato in vantaggio.Questo modo di fare campagna elettorale, a prescindere dal merito delle proposte messe in campo e dalle capacità dei candidati, è eticamente, politicamente e perfino esteticamente imbarazzante! E allora, una volta per tutte, cerchiamo di fare chiarezza su qualche punto: Raffale Fitto è stato assolto da TUTTI i processi che lo hanno visto coinvolto quando era Presidente della Regione Puglia (2000 -2005). In particolare, nell’inchiesta “La Fiorita” per presunte tangenti in sanità, Raffaele Fitto è stato assolto in appello il 29/09/2015 “PERCHÉ IL FATTO NON SUSSISTE”. Con riferimento, poi, all’inchiesta “Fallimento CEDIS”, Raffaele Fitto ha rinunciato alla prescrizione, che pure era stata chiesta dal PM di Bari, ed è stato assolto il 22/10/2012 “PER NON AVER COMMESSO IL FATTO”.
Ora, se vi riesce, cercate di portare avanti una campagna elettorale corretta, promuovendo il vostro candidato senza screditare l’avversario con informazioni false che confondono l’elettore. Perchè nessuno ha l’anello al naso e certa propaganda vergognosa vi si ritorce contro come un boomerang.

#alcuoredellapuglia #fittopresidente

Francesca Marino – Dirigente Provinciale FDI