Appuntamenti Politica Prima Pagina 

Domenica 3 febbraio fino alle 22 gazebo della Lega per l’evento Matteo Salvini non si tocca

Domenica 3 febbraio fino alle 22.00 a Torremaggiore presso Corso Giacomo Matteotti  gazebo della Lega per l’evento Matteo Salvini non si tocca

Il popolo italiano sta dimostrando un amore quasi incontrollato per il Ministro degli Interni Matteo Salvini. Lo sta dimostrando in ogni modo. “Matteo Salvini non si tocca!”

 

 

 

Sembra essere il condottiero di milioni di italiani stanchi di una vera presa in giro dalla vecchia politica fatta di inciuci e di tiri mancini. Giovani e meno giovani credono nel “capitano”. Dove arriva lui si riuniscono folle di persone che vogliono ascoltarlo e soprattutto conoscerlo in quanto sembra essere l’unico finora dopo i big della politica “seria” degli anni 60 e settanta a stare vicino la gente e ad ascoltarla!

Matteo Salvini, politico italiano, dal 1º giugno 2018 vicepresidente del Consiglio e ministro dell’interno del Governo Conte. Senatore, già deputato ed europarlamentare, dal dicembre 2013 è segretario federale della Lega Nord, partito al quale si è iscritto nel 1990. Nato il 9 marzo 1973, due figli e pazzamente innamorato di loro. Laureato. Nel 2016 scrive un libro dove fa capire le sue reali intenzioni per la sua Italia, quella di chi la ama veramente.

“Ha fatto sembrare i politici tradizionali dei matusalemme. Ha schiacciato e spedito nel reparto delle anticaglie i tentativi di nuovo centrodestra destinati a diventare flop. Ha annichilito gli avversari parlando in modo chiaro e concreto. Tutto nel volgere di pochi mesi, con un succedersi di blitz, di guerre lampo senza paragoni in Italia. “Sono in estasi davanti alla sua energia” ha detto di lui Marine Le Pen. “È un uomo estremamente coraggioso e può andare al governo.” L’avanzata fulminea di Matteo Salvini ha sorpreso tutti, eppure la sua storia con la Lega è cominciata quando era ancora un ragazzino, nella Milano degli anni Ottanta. È una storia profondamente intrecciata alla scoperta di una politica fatta tra la gente e per la gente, a partire dai chilometri in bicicletta per attaccare i manifesti elettorali, passando per i microfoni di Radio Padania e il Parlamento europeo, fino alla nomina a segretario federale della Lega, che lo ha fatto diventare uno dei personaggi chiave della scena politica italiana”.

Un uomo che ha visto le problematiche del paese merita più rispetto, merita più attenzioni. Oggi non possiamo permetterci di perdere un treno importantissimo per salvare il salvabile. La nazione Italia e tutti gli italiani meritano finalmente più attenzione da parte di quella politica che vuole fare. Gli italiani hanno conosciuto un periodo buio di oscurantismo con il predominio di una dittatura di sinistra con regie oscure e determinate per far cadere la nostra Nazione come è successo per la Grecia! Non possiamo nascondere certe verità! La Francia e la Germania hanno delle colpe galattiche nella disfatta della Grecia e dei popoli africani e di migliaia di cristiani che oggi vivono un grosso martirio! Stiamo subendo pressioni che solo chi non vuol vedere non vede e che solo grazie ad un uomo come Matteo Salvini stiamo tamponando! Grazie ai falsi e abusivi governi tecnici voluti dalla sinistra comunista e dal PD abbiamo conosciuto l’azzeramento delle norme che tutelano i cittadini, i commercianti, gli agricoltori, gli operai e l’intera nazione mettendo al primo posto tutt’altro! Questo nuovo governo ha a cuore i suoi italiani e questo Ministro ancor di più! Ha fatto una promessa, due promesse, più promesse, e le sta mantenendo e sta applicando la legge! Oggi vede il suo lavoro per gli italiani e per i confini della nostra Italia quasi vano perché le opposizioni o altre forme di politiche di basso livello lo vogliono in galera. Ma per cosa? Perché certi magistrati, certi avvocati si interessano di Matteo Salvini? La risposta è semplice: sta lavorando per il popolo e non per i criminali della politica e delle regie occulte! In Italia e come in ogni altra Nazione si entra con i documenti alla mano e se non ce li hai sei un clandestino a maggior ragione se si viaggia su navi abusive gestite da organizzazioni criminali che si fanno scudo di gente che solo in pochissimi casi ha un forte disagio! La Lega ha deciso di scendere in piazza per il suo Capitano. Vuole dimostrare che non lo abbandona e che lo segue in ogni sua scelta e in ogni sua battaglia!

Il caso Diciotti è un continuo del 1992, perché nella pretesa che i confini Nazionali fossero abbattuti sulla base di una Legislazione che non esiste e che non ha alcun senso, vi è la radice storica dell’attacco alla lira e dei governi tecnici imposti da interessi oltre confine grazie al concorso di magistrature apicali profondamente depravate. Se è vero che la Diciotti è una nave con bandiera italiana, spetterebbe solo al Ministro derogare dalla Legge per far sbarcare sul suolo italiano persone che, essendo senza passaporto, nessun magistrato sa chi siano, da dove vengano e cosa ci portino, e non occorre essere uno scienziato per capire che solo così deve essere. Non si capisce quindi la legittimità con cui qualcuno che ha vinto solo un concorso del CSM possa invertire il normale senso delle cose, e perciò il caso può essere il casus belli di qualcosa di molto pregnante in senso politico. Sappiamo, infatti, che l’azione di presunto sequestro di Salvini (e Toninelli) ha una natura di atto ministeriale indi per cui non solo la responsabilità è collegiale di tutto il Governo, ma la sua sindacabilità è permessa solo ed esclusivamente al Parlamento. Facciamo attenzione.

Matteo Salvini ha bisogno di un vero supporto e di un vero aiuto. Il popolo italiano lo ama.

“il mais non può aspettarsi giustizia da un tribunale composto da polli”! Per il saggio motivo esplicitato in questo proverbio non possiamo permettere che il Ministro degli Interni sia sottoposto al potere di semplici magistrati che non rappresentano assolutamente nessuno, tantomeno il Popolo o le Leggi a cui dimostrano di non avere reali vincoli.

La cosa che i prepotenti d’animo del Partito Democratico e della Magistratura deviata fanno finta di non sapere è che a confidare nei processi strampalati della politica per sopraffare gli avversari della Sinistra, così come hanno fatto con Berlusconi, si coltiva un proposito eversivo.

Oggi amare gli italiani sembra sia diventato una forma di Fascismo, terminologia che viene usata spessissime volte da parte di chi non vuol capire ragioni che difendere i propri confini non è reato ma è amor di Patria! Oggi dobbiamo pensare ai milioni di poveri italiani che muoiono di fame, che sono senza lavoro, che si suicidano, che vengono vessati, che vengono violentati, che vengono uccisi e purtroppo martoriati in modo cannibalesco e senza alcuna forma di tracce umane! Oggi Matteo Salvini è tutto quel popolo che vuole un ritorno alla normalità e alla sicurezza per i nostri bambini e le nostre donne!

Ogni membro del Governo può essere processato dalla Magistratura Ordinaria ma previa autorizzazione dell’Organo Sovrano, ciò significa che se essa fosse concessa, il Parlamento avrebbe sfiduciato il ministro e perciò sortito una implicita sfiducia e un nuovo indirizzo politico della Nazione. In altre parole se si concedesse l’autorizzazione al processo, come si era ventilato all’inizio senza riflettere bene sulla situazione, il potere di indirizzo politico della Nazione sarebbe strappato agli organi competenti ed esercitato su impulso dei Magistrati. Il Ministro risulterebbe infatti o sfiduciato, a seguito di accoglimento di richiesta dei Magistrati e sue doverose dimissioni, oppure sarebbe sottoposto da Ministro imputato al giudizio dei suoi atti da parte dei Magistrati inquirenti e giudicanti, e quindi in entrambi i casi si profilerebbero i contorni di un colpo di Stato.

In tutte le piazze di Puglia e di tutta Italia domenica 3 febbraio raccoglieremo firme e pareri su quanto sta accadendo in Italia contro un Ministro della Repubblica che ha la sola colpa di non essere iscritto nelle fila della sinistra! “o con noi o contro di noi” recitava qualcuno. Noi siamo per Matteo Salvini e per le sue scelte ma soprattutto siamo con gli uomini che hanno creduto in lui. Ribadisco che mai come ora si deve essere uniti lottando contro i personalismi e gli arrivismi. Oggi sappiamo cosa ha procurato il PD in Italia e in ogni paese. Siamo sprofondati peggio dei paesi dell’est quando dopo il comunismo non cresceva più l’erba! L’Italia e gli italiani non sono razzisti ma semplicemente stanchi di essere abbandonati per far posto ad affari incontrollati che organizzazioni criminali hanno fiutato per far quattrini avallati da chi oggi sale sulle navi per vedere come stanno “finti bambini” guardati negli occhi da chi riesce a vedere l’età in modo magico ma non si occupano dei poveri italiani sotto la neve e al ghiaccio nelle terre disastrate dai terremoti! Oggi stiamo riparando i danni di una sinistra che ha pensato solo a toglierci una nostra sovranità svendendoci al falso miraggio in un deserto chiamato “Europa” ! Domenica 3 febbraio il popolo e anche quello torremaggiorese scenderà in piazza per sostenere Matteo Salvini e tutte le sue iniziative contro un sistema corrotto fatto di gente senza coscienza che oggi vede solo ordini di un direttivo politico senza cuore con zero impegni per il popolo italiano e interessi per “altro” !

Commenti tramite Facebook

Related posts