La Segreteria Provinciale del Nuovo PSI rilancia per le comunali: “Si deve operare in piena trasparenza”

Segue il Comunicato stampa ufficiale dell Segreteria Provinciale del Nuovo PSI che interviene sull’accordo politico siglato tra PD e UDC. La responsabilità del contenuto riportato è ESCLUSIVAMENTE dell’autore.

null

Negli ultimi giorni gli organi di stampa hanno riportato molte notizie circa l’accordo siglato tra le segreterie provinciali del PD-UDC in vista delle prossime elezioni amministrative a Torremaggiore.
La segreteria del Nuovo PSI non ha approvato il metodo usato dall’On. Cera che ha imposto, con arroganza, il nome del candidato sindaco Costanzo Di Iorio. Il metodo ortodosso da Prima Repubblica dell’UDC, la dice lunga sulla serietà di questo partito, che non è stato in grado di garantire la stabilità con il terzo polo, figuriamoci quanto tempo può durare l’accordo con il centro sinistra.Il Dirigente Nazionale del Nuovo PSI Giovanni Alfonzo dichiara: “Su Di Iorio non avevamo alcuna preclusione, anzi, io stesso ad Agosto 2011 gli avevo chiesto un’ incontro, manifestando la nostra apertura all’UDC. Avevo invitato Di Iorio a sedersi al tavolo delle discussioni per cercare di individuare insieme il possibile candidato sindaco. Sono amareggiato per il suo comportamento che rispetto, ma non condivido; se questo è il modo di fare politica dell’UDC, allora meglio averli come avversari. Rileggendo la dichiarazione rilasciata nell’occasione della festa dell’UDC a Torremaggiore dall’ On. Angelo Cera, emergono tantissime contraddizioni sia nel modo di pensare, che nel modo di agire. L’articolo a cui mi riferisco cita testuali parole: L’on. Angelo Cera (UdC), parlamentare presso la Camera dei Deputati e Sindaco di San Marco in Lamis (FG) ha chiesto di voltare pagina nella cittadina federiciana attraverso l’appoggio al progetto politico del terzo polo con un candidato serio, autorevole, nuovo e condiviso. La Segreteria Provinciale dell’UdC seguirà con attenzione e concorderà con gli altri partiti del Terzo Polo il percorso che porterà all’individuazione del candidato vincente per Torremaggiore.
L’onorevole Cera ha promesso che non ci saranno alleanze politiche con chi ha distrutto in passato Torremaggiore e che il terzo polo è l’unica alternativa credibile ai due poli, che attuano logiche superate,obsolete e non rispondenti alle esigenze della collettività torremaggiorese.
Duro l’intervento del primo cittadino di San Marco nei confronti della Giunta Provinciale Pepe, che non ha messo in campo azioni politiche per limitare la povertà, per favorire il lavoro, per realizzare una vera politica agricola e per la sistemazione delle strade provinciali.
Affondo anche al duopolio Berlusconi-Prodi e alle bugie della sinistra che hanno impoverito l’Italia negli ultimi venti anni.
Da Torremaggiore l’on. Cera lancia l’appello per creare l’alternativa al PdL e al Pd anche alla Provincia di Foggia sostenendo : “Siamo la vera novità rispetto ai due poli, iniziamo da Torremaggiore a creare un percorso alternativo solido, autorevole e credibile”.

Giovanni Alfonzo ha poi aggiunto: “La coalizione di centro (formata dal Nuovo PSI, Unione di capitanata, Udeur, Popolari Europei e Forza Torre) aveva chiesto al PDL locale, di evitare intromissioni da parte della segreteria provinciale del PDL, riguardo la scelta del sindaco. Leggendo l’articolo del 22 dicembre 2011 il coordinatore Mazzone dichiarava che tra lui, Cera ed il Vice segretario Provinciale Eugenio Iorio, si stava trattando un’ intesa col centro destra, alla sola condizione che fosse Di Iorio il candidato sindaco. C’era un’ intesa di massima fra me e Cera, tanto che l’UDC di Torremaggiore partecipava al tavolo delle trattative per la definizione del programma.
A Mazzone rispondo che quello che ha fatto è un atto gravissimo, il PDL può trattare a titolo personale con chi vuole, ma non può farlo a nome del centro destra, senza rendere partecipi gli altri partiti, tra i quali, il Nuovo PSI (partito coofondatore del PDL).
Concludo lanciando un appello a FLI ed altri partiti e movimenti politici, che vogliano condividere un programma serio per Torremaggiore, mettendo da parte ogni forma di protagonismo per lasciare spazio ad un dialogo costruttivo, con pari dignità, per il solo scopo di dare vita ad un governo duraturo per Torremaggiore.”

La Segreteria Provinciale del Nuovo PSI
null