Torremaggiore: su Viale XXV Aprile ecco le foto dei rifiuti abbandonati e bruciati dai zozzoni locali al 15 agosto 2021. Anche a Ferragosto confermata l’emergenza inciviltà. A quando la soluzione permanente?

Ne avevamo parlato già il 23/12/2020 ( clicca qui) , il 20/09/2017 ( clicca qui), in data 9 febbraio 2018 ( clicca qui) , in data 9/12/2019 ( clicca qui) ed il 20 aprile 2020 ( clicca qui).

I rifiuti vengono sversati in varie zone periferiche della città e soprattutto sul termine del Viale XXV Aprile nel quartiere Spirito Santo di Torremaggiore a poche centinaia di metri dalle case. C’è di tutto: mobili, rifiuti edili, bottiglie di birra, plastica, frutta, televisioni distrutte, sanitari e tanto altro. E’ possibile notare dalle foto che gli stessi rifiuti vengono anche bruciati creando miasmi con conseguenze dannose per la pubblica salute.

L´incendio della spazzatura è un vero e proprio attentato alla salute. La diossina che viene prodotta con l’incendio dell’immondizia fa aumentare significativamente il livello di rischio-tumori, avvelena i terreni e l’acqua e provoca numerose malattie. Possibile che si vuole attentare ad una intera comunità senza ragionare minimamente sulle conseguenze che tutto ciò può comportare?

Persistono comportamenti di inciviltà da parte di alcuni cittadini che devono essere arginati in ogni modo dalle competenti autorità. Su Facebook il 20/04/2020 la Polizia Locale di Torremaggiore aveva scritto che il sito oggetto di questa discarica abusiva è stato bonificato nel mese di settembre 2019. Il Vice Sindaco Marco Faienza in data 20 aprile 2020 aveva promesso la bonifica del sito in tempi brevi.

Le segnalazioni possono essere fatte alla Polizia Locale, al Comune di Torremaggiore, alle Guardie Ambientali d’Italia all’Arpa Puglia .

L’abbandono dei rifiuti è reato e può costare caro. Infatti, chi abbandona rifiuti in strada o ovunque lontano dalle zone predisposte alla raccolta dell’immondizia, rischia multe salate. Le sanzioni per i privati cittadini che abbandonano/depositano i rifiuti in strada e ovunque non sia espressamente consentito, vanno da un minimo di 300 euro ad un massimo di 3.000 euro, in relazione alla quantità/pericolosità dei rifiuti.

I cittadini richiedono dai social alle istituzioni TOLLERANZA ZERO per chi abbandona i rifiuti. Le conseguenze di questi atti incivili sono a danno della salute dell’intera collettività. Ecco le foto dei rifiuti presenti al 15 AGOSTO 2021, i zozzoni locali non conoscono limite alcuno.