Al via la mostra SYNAESTETH-X visibile fino all’11 luglio 2021 presso il Museo del Real Bosco di Capodimonte (Napoli) a cura del torremaggiorese Paolo Iammarrone e del napoletano Vincenzo Fiorillo

Si è svolta domenica 13 Giugno 2021 la mostra “SYNAESTETH-X”del torremaggiorese Paolo Iammarrone e del napoletano Vincenzo Fiorillo, alle ore 16:30 presso la sala Causa del Museo del Real Bosco di Capodimonte in occasione del Campania Teatro Festival. La mostra resterà accessibile fino all’11 Luglio 2021 dal Giovedì alla Domenica dalle ore 16:30 alle 19:30. L’ingresso è gratuito.

“SYNAESTETH-X” è un percorso sensoriale dove l’immagine ed il suono si mescolano per dar vita a un’esperienza coinvolgente e stimolante attraverso un processo sinestetico. Il percorso inizia attraversando tre corridoi nei quali, accompagnati dal “Miserere Mei Deus” di Leonardo Leo e da vari profumi diffusi attraverso gli ambienti, si potranno contemplare i quadri di Iammarrone. L’immagine che sceglie di raccontare è quella della donna, reinterpretata attraverso una chiave di lettura estremamente personale e, a tratti, liberatoria, di rivalsa. Il rimando forte alla tematica
del femminicidio provocherà sicuramente una forte risposta emotiva da parte dello spettatore che, spostandosi poi nelle stanze successive, assisterà ad un processo di destrutturazione e ricostruzione. Attraverso una videoinstallazione musicale curata da Fiorillo ed accompagnata da musiche composte da quest’ultimo e dal musicista Ivo Parlati, l’immagine della donna viene infatti ripresentata in forma sonora e si potrà assistere, attraverso la rappresentazione video degli esperimenti dello scienziato Ernst Chladni, alla creazione di nuove figure, scaturite dall’emozione
provata dai musicisti alla visione dei quadri. In rispetto alle norme sanitarie vigenti, l’ingresso sarà garantito solo previa
prenotazione. È online il sito “campaniateatrofestival.it” con le informazioni sulla mostra e le pagine utili per prenotare.

Paolo nasce a Foggia nel 1988 ed è cresciuto a Torremaggiore. Consegue la maturità scientifica al Fiani di Torremaggiore partecipando attivamente alle attività teatrali liceali creando le scenografie. Attratto dal disegno fin da piccolo, si stupisce presto del fatto che i suoi coetanei non sapessero disegnare. Crescendo capisce che disegnare non è una cosa comune e continua di tanto in tanto a ricopiare disegni sui banchi di scuola. Figlio di un padre tuttofare, eredita da lui una buona manualità che gli consente di avvicinarsi per la prima volta in modo semiprofessionale al mondo dell’arte. Si iscrive al corso di Scenografia dell’Accademia di Belle Arti di Foggia dove consegue la Laurea. Lavora intensamente sia per il Teatro che per il Cinema senza tuttavia tralasciare al di fuori dell’Accademia il confronto con altri artisti e la sperimentazione materica nel campo pittorico. Racconta il presente in modo essenziale e diretto. Le sue opere, anche se concettuali, arrivano allo spettatore senza troppi filtri. Adesso vive e opera a Napoli.

Vincenzo nasce a Napoli nel 1994. La presenza in casa di un piccolo organetto lo fa presto appassionare alla musica, ma nasconde la sua passione per anni. Sconfitta la timidezza, da adolescente si iscrive al Conservatorio di Napoli, dove studia pianoforte. In parallelo coltiva la passione per l’arte figurativa, germogliata quando, da piccolo, assisteva agli spettacoli di danza della sorella ed apprezzava il connubio fra musica e scenografia. Nel 2020 si laurea in proprio in scenografia presso l’Accademia delle Belle Arti di Napoli. Lavora come scenografo a numerosi progetti teatrali e cinematografici.