Nuova comunicazione dell’ Istituto Comprensivo Statale di ​via Pietro Nenni​ dopo della sentenza del TAR Puglia

Ecco il testo dell’ultima comunicazione del DS dell’Istituto Comprensivo Statale di ​via Pietro Nenni​ del 7/11/2020

Al fine di fare chiarezza nella situazione di grave confusione venutasi a creare per le scuole del I ciclo a seguito delle recenti ordinanze della Regione Puglia, si comunica quanto segue:
● le scuole del I ciclo sono attualmente aperte e le attività didattiche sono di norma svolte
in presenza , ai sensi e per gli effetti del DPCM del 3.11.2020;
● l’Ordinanza Ministeriale n.134 del 09 ottobre 2020 definisce le modalità di svolgimento delle attività didattiche per gli alunni fragili , ossia le studentesse e gli studenti con patologie gravi o immunodepressi – con particolare attenzione per questi ultimi – che sarebbero esposti a un
rischio di contagio particolarmente elevato frequentando le lezioni in presenza;
● questa Dirigenza, con nota prot. n. 1457 del 28/10/2020, considerata la delicata situazione epidemiologica Covid-19 nel Comune di Torremaggiore, aveva già invitato i sigg. genitori a valutare con molta prudenza l’opportunità di far frequentare la scuola agli alunni nei seguenti
casi:
○ avessero sintomi simil-influenzali (tosse, starnuti, naso che cola e congestione nasale, gola irritata o dolorante, dolori muscolari, malessere generalizzato,..) anche senza febbre;
○ ci fosse in famiglia un convivente in isolamento domiciliare fiduciario ;
In tali casi i genitori potevano richiedere di avvalersi della Didattica a Distanza (DaD) per gli alunni, senza che questi risultassero assenti;
● considerato l’aggravarsi della situazione epidemiologica della Covid-19, questa Dirigenza dispone l’estensione della possibilità di avvalersi della DAD, la cui richiesta deve essere obbligatoriamente effettuata compilando il modulo al seguente link: https://forms.gle/Vsv1StY8ju2qvLWVA ;


● il servizio di mensa per la scuola primaria è sospeso fino a diversa comunicazione e pertanto gli alunni in presenza del tempo prolungato della scuola primaria effettueranno l’orario 8.15 – 13.15 dal lunedì al venerdì ed il sabato saranno in DAD
Si fa presente che, nel caso vi fosse un numero consistente sia di alunni in presenza che di alunni in DAD, le attività di DAD potrebbero essere ridotte, poichè il personale docente e/o le risorse tecnologiche potrebbero non risultare sufficienti per gestire le due modalità (in presenza e a
distanza). I docenti effetueranno di norma servizio a scuola, salvo diverse disposizioni del Dirigente Scolastico in relazione al numero di richieste di DAD che perverranno per le varie classi.
Per un completo quadro giuridico della situazione, si fa presente che:
● l’art. 21 della legge n. 59 del 15 marzo 1997 ha introdotto l’A utonomia Scolastica , con il conferimento alle Istituzioni scolastiche della personalità giuridica (art. 21 c. 4),
○ con l’art.25-bis comma 2 del d.lgs n.29 del 1993, aggiunto dall’art.1 del d.lgs n.59 del
1998, ne ha assegnato ai Dirigenti scolastici la legale rappresentanza ;

○ con DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 8 marzo 1999, n. 275 è stato emanato il Regolamento recante norme in materia di autonomia delle istituzioni scolastiche:
● con la riforma del Titolo V della Costituzione Italiana ad opera della L. Cost. n. 3/2001, si dispone all’articolo 117: “ La potestà legislativa è esercitata dallo Stato e dalle Regioni nel rispetto della Costituzione […] Lo Stato ha legislazione esclusiva nelle seguenti materie: […] n) norme generali sull’istruzione; […] Sono materie di legislazione concorrente quelle relative a: […] istruzione, salva l’autonomia delle istituzioni scolastiche”
● le scuole possono essere chiuse o ne può essere disposta la sospensione dell’attività didattica con ordinanze contingibili ed urgenti da varie autorità (nell’ambito delle rispettive competenze: Sindaco, Presidente della Provincia, Presidente della Giunta Regionale, Prefetto, Governo) qualora si verifichino situazioni di eccezionale ed urgente necessità di tutela della
salute pubblica, dell’ambiente o dell’ordine pubblico;
Si chiarisce, pertanto, che questa Istituzione scolastica deve operare, per quanto attiene la didattica, secondo la propria autonomia didattica ed organizzativa, nella cornice della normativa specifica e nel rispetto delle indicazioni del Ministero dell’istruzione, mentre, per quanto riguarda la
tutela della salute pubblica, dell’ambiente o dell’ordine pubblico, secondo ordinanze contingibili ed urgenti emanate, allo specifico scopo , dalle varie autorità preposte.

Torremaggiore, 07.11.2020
Il Dirigente Scolastico
prof. Matteo Scarlato
Firma autografa sostituita a mezzo stampa
ai sensi e per gli effetti dell’art. 3, co. 2 D.Lgs. n. 39/93

SCARICA COMUNICAZIONE IN PDF