Chiesta la sospensione della programmazione del taglio degli alberi dalla senatrice Gisella Naturale (M5S)

In una lettera, inviata al primo cittadino di Torremaggiore, la senatrice del MoVimento 5 stelle, Gisella Naturale, chiede la sospensione della programmazione del taglio degli alberi nella pineta e in altre aree verdi. «Secondo le determinazioni dell’ufficio tecnico sono circa cento gli alberi che dovrebbero essere tagliati, da un nostro sopralluogo, e dalla documentazione video e fotografica acquisita, ci pare evidente che non tutti gli alberi appaiono pericolanti- dichiara la senatrice Gisella Naturale. Nella lettera inviata all’Amministrazione invito a riconsiderare l’elenco degli alberi segnalati, a prevedere un piano che preveda la piantumazione in sostituzione di quelli che risulteranno da abbattere, a estirpare le radici e a ripristinare il manto stradale, in modo da compiere un’azione completa di messa in sicurezza. Mi pare evidente che il solo taglio e senza un piano di sostituzione e nuova piantumazione, come previsto dall’ufficio tecnico, sarebbe un gravo danno per il paesaggio- aggiunge Naturale. È necessario considerare il valore che riveste il patrimonio verde della città, anche in considerazione dei cambiamenti climatici in corso ed in particolare il ruolo degli alberi nella protezione del suolo e nel miglioramento della qualità dell’aria. Auspico che ci sia una presa di coscienza da parte di chi amministra la città e che si possa evitare un sicuro scempio naturalistico». Conclude la senatrice del Movimento 5 stelle.