Brevi News Cronaca Prima Pagina 

Infartuato salvato al PPIT di Torremaggiore con il team del 118: merito di un passante che lo ha trovato a terra in Pineta e lo ha portato al Punto di Primo Intervento, plauso del Comitato Salute Alto Tavoliere a tutti

Infartuato 59enne in Pineta a Torremaggiore: salvato da un passante che l’ha condotto subito al PPIT e che insieme al personale del 118 è stato stabilizzato e poi trasportato in codice rosso all’Ospedale di San Severo

Nella mattina del 2 giugno 2019 presso la Pineta comunale di Torremaggiore alle ore 8,25 un cittadino ha scoperto una persona accasciata a terra in tenuta sportiva in stato di incoscienza, lo stesso ha fisicamente portato la persona accasciata presso i locali del Punto di Primo Intervento Territoriale (PPIT) nell’ ex Ospedale San Giacomo di Torremaggiore. Nello stesso frangente alcuni passanti hanno allertato la centrale operativa del 118. Il team di turno del PPIT ha stabilizzato nella sala rossa il paziente in arresto cardiaco, coadiuvati dopo qualche minuto anche dal team 118 (MIKE) della postazione medicalizzata mobile di Torremaggiore che ha sede al piano seminterrato dell’ex nosocomio San Giacomo. Seguendo il protocollo BLSD il paziente è stato trasportato in codice rosso presso l’emodinamica del Presidio Ospedaliero Teresa Masselli Mascia di San Severo dove è stato rivascolarizzato su diagnosi di infarto. Fonti ospedaliere sostengono che l’intervento è riuscito brillantemente e si attende la pronta guarigione del paziente.




La catena del soccorso ha funzionato brillantemente, il Comitato Salute Alto Tavoliere della Puglia plaude alla sensibilità civica del passante che fisicamente ha portato la persona infartuata al PPIT di Torremaggiore. Ringrazia l’intero personale del PPIT e della postazione mobile MIKE del 118 di Torremaggiore per l’efficacia e l’efficienza che ha portato al salvataggio di una vita umana.

Ma il Direttivo civico del Comitato rilancia : “ L’importanza della funzionalità della postazione medicalizzata fissa e mobile H24 a Torremaggiore non deve mai venire meno e determinate battute che sono state rivolte a Bari in Regione esattamente un anno fa al Comitato sull’inutilità del PPIT a Torremaggiore a causa della presenza a dieci km dell’Ospedale di San Severo mai come oggi sono smentite con i fatti. Con questo grande lavoro di squadra del PPIT e del 118 oggi brindiamo al salvataggio di questa vita. Il Comitato invita la Regione Puglia a rivedere le sue strategie e ad ascoltare i territori, poiché se questa mattina l’ambulanza medicalizzata del 118 era impegnata fuori per altri interventi e non c’era il PPIT con personale medico oggi avremmo avuto una vita umana in meno!

Resta alta l’attenzione del Comitato per salvaguardare la salute dei cittadini dell’Alto Tavoliere della Puglia e per sensibilizzare la cittadinanza sulla prevenzione dei rischi cardiovascolari e sulla localizzazione di nuovi defibrillatori a Torremaggiore e nell’intero Alto Tavoliere pugliese”.

Commenti tramite Facebook

Related posts