Brevi News Politica Prima Pagina 

Criticità al PTA San Giacomo di Torremaggiore: il Comitato consegna a mano l’ennesima istanza al Governatore Emiliano

In data 17/02/2019 il COMITATO PERMANENTE PER LA SALVAGUARDIA DELLA SALUTE DEI CITTADINI DELL’ALTO TAVOLIERE DELLA PUGLIA ha inviato una nuova PEC alla Direzione Generale dell’ ASL FG ed alla Regione Puglia di sollecito. Come è noto negli ultimi mesi le criticità presenti a Torremaggiore sono rimaste inevase sebbene il Comitato si è fatto promotore di una raccolta di oltre duemila firme, tre interrogazioni urgenti in consiglio regionale e ben quattro mozioni votate all’unanimità dai comuni di Torremaggiore, Castelnuovo della Daunia, Serracapriola e San Paolo di Civitate.

 

In data 18/02/2019 una delegazione del COMITATO PERMANENTE PER LA SALVAGUARDIA DELLA SALUTE DEI CITTADINI DELL’ALTO TAVOLIERE DELLA PUGLIA ha consegnato a mano al Governatore Michele Emiliano l’intero dossier sulle criticità sanitarie presenti a Torremaggiore chiedendo un fattivo intervento ed un incontro presso la DG per rendere noto il cronoprogramma della riqualificazione del San Giacomo che le comunità dell’Alto Tavoliere della Puglia stanno attendendo da marzo 2011. Infatti nel pomeriggio del 18/02/2019 era previsto a Foggia presso l’Aeroporto Gino Lisa una conferenza stampa sulle evoluzioni che riguardano il futuro dello scalo foggiano e una delegazione civica del Comitato ne ha approfittato per  rincarare la dose su questa battaglia di civiltà che riguarda la salvaguardia del diritto alla salute dei cittadini della Puglia Nord chiedendo, ed ottenendo , diritto di parola dal governatore al termine della conferenza.

 

 

Consegnato anche a mano il dossier sulla sanità del PTA San Giacomo di Torremaggiore – Foggia – Aeroporto Gino Lisa – 18-02-2019 – www.torremaggiore.com –

Il Governatore Emiliano, non ricordando bene la questione della riconversione del San Giacomo, ha richiesto tempo per rivedere le pratiche e ha promesso di darci una risposta. Al termine dell’incontro con il governatore pugliese il Comitato ha chiesto verbalmente agli assessori regionali Piemontese e Di Gioia se ritenevano giusto che ad oggi il Comitato non aveva ancora avuto risposte su questi temi. Entrambi hanno detto di non conoscere la vicenda, ed, informati nel mentre dal Presidente del Comitato sulle numerose mail, istanze nonché sulle ben tre interrogazioni regionali, gli assessori hanno avuto l’ardire di minimizzare addirittura la presentazione delle tre interrogazioni, cosa che ha fatto trasalire il Presidente del Comitato che con forza ha replicato agli assessori regionali che sarebbe opportuno da parte loro essere almeno informati su tematiche che riguardano la salute di oltre quarantamila persone. L’assessore Piemontese ha detto che a breve sarà inaugurata l’RSA Pubblica; questa informazione è aggiuntiva rispetto a quanto previsto dalla delibera regionale del 2015 che annunciava l’apertura degli altri reparti arrivando a quota 54 posti letti rispetto ai 17 oggi presenti.

Ribadiamo che da giugno del 2018, quando sono state inviate le richieste di supporto a TUTTI i consiglieri regionali della Capitanata e ai due assessori regionali di origine foggiane Piemontese e Di Gioia, non abbiamo ricevuto alcunchè, e che il solo Vice Presidente del Consiglio Regionale nella persona dell’ Avv. Giandiego Gatta ci ha risposto ed ha subito presentato una prima interrogazione su questi temi. Siamo qui pertanto a constatare l’assoluta distanza tra il territorio ed i vertici regionali.

Come Comitato riteniamo doveroso, in questo ennesimo momento critico, esprimere pubblicamente il nostro ufficiale disappunto su come la Giunta Regionale sta trattando la sanità nella Capitanata Settentrionale. Non è ammissibile ad oggi non avere una sola risposta a TRE INTERROGAZIONI URGENTI presentate in Regione ( in data 26/06/2018 , 30/07/2018 e 11/01/2019) e a quattro mozioni presentate dai maggiori comuni della Daunia Settentrionale.

 

Di seguito invece riportiamo e rendiamo pubblico il contenuto dell’istanza inviata a mezzo PEC il 17/02/2019 e consegnata a mano al Governatore pugliese il 18/02/2019 a Foggia.

 

 

 

 

 

Alla Cortese Attenzione

Dott. Vito Piazzolla – Direttore Generale ASL FG

e p.c.
Dott. Michele Emiliano – Governatore della Regione Puglia con delega alla salute

Sindaci dei Comuni dell’Alto Tavoliere della Puglia
Torremaggiore, San Severo, San Paolo di Civitate, Serracapriola, Chieuti, Castelnuovo della Daunia, Casalvecchio di Puglia, Casalnuovo Monterotaro, Poggio Imperiale, Lesina, Apricena

Oggetto: Sollecito precedenti istanze con riferimento al PPIT di Torremaggiore e al PTA San Giacomo di Torremaggiore dato che ad oggi le richieste sono rimaste inevase

Gentile Direttore,
Il Direttivo civico del Comitato permanente per la salvaguardia della salute dei cittadini dell’Alto Tavoliere della Puglia Le richiede un intervento tempestivo per risolvere le criticità presenti a Torremaggiore già ampiamente segnalate nei mesi precedenti a mezzo PEC alla Sua attenzione che ad oggi non hanno ancora ricevuto alcuna risposta in merito.

PREMESSO CHE

– ad oggi al P.P.I.T. di Torremaggiore l’ASL Fg non ha ancora inviato i nuovi reagenti per i macchinari POCT ( le nostre istanze a mezzo PEC dell’11/09/2018 e del 16/12/2018 non hanno ricevuto alcuna risposta), creando disagi e maggiori costi all’ASL stessa dovendo far spostare un autista ed un’ambulanza Fiat Ducato di proprietà dell’ASL FG nella vicina San Severo al Laboratorio Analisi del P.O. Masselli Mascia intasando un flusso già saturo che invece potrebbe essere realizzato in loco a Torremaggiore in pochi minuti;
ad oggi manca l’inserimento del PPIT di Torremaggiore all’interno della pagina web dell’ASL FG al seguente link https://www.sanita.puglia.it/web/asl-foggia/pronto-soccorso dove sono presenti tutti i Pronto Soccorso della Provincia compresi i PPIT e manca Torremaggiore ( richiesta già effettuata verbalmente alla Sua attenzione presso la Direzione Generale il 19/06/2018 e fino ad ora irrisolta);

– ad oggi l’ASL FG non ha mai risposto alla nostra proposta formale ( PEC del 16/12/2018) per il Laboratorio Analisi di Torremaggiore – declassato a Centro Prelievo dal 1/01/2019 – e per la Radiologia del PTA San Giacomo. Avevamo richiesto e rinnoviamo l’invito ad attivare una rete di servizi interna poiché può essere considerato servizio unico Torremaggiore e San Severo. Non possiamo dimenticare che a breve saranno attivati nuovi posti letto territoriali al PTA San Giacomo ed occorre avere una visione più lungimirante. Le strutture di Torremaggiore e San Severo sono complementari e potrebbe questa soluzione dare equilibrio ed efficacia a reale vantaggio della collettività. Quindi un Presidio Ospedaliero con due sedi dislocate per laboratorio analisi e radiologia : Torremaggiore e San Severo ;

– ad oggi l’ASL FG non ha mai risposto alla nostra proposta formale ( PEC del 28/12/2018) per la Radiologia del PTA San Giacomo nella quale veniva richiesto:
– la urgente riqualificazione edile della struttura eliminando le infiltrazioni e le muffe presenti nei muri attraverso urgenti lavori di consolidamento e di adeguamento ;
– l’urgente attuazione per l’adeguamento dell’impianto elettrico nelle cinque sale radiologiche ed ecografiche , nel corridoio e nei cinque bagni presenti nel plesso radiologico;
– il rinnovo dei macchinari obsoleti oggi presenti;
– la sostituzione del mammografo rotto con uno funzionante magari di ultima generazione;
– una riorganizzazione del personale per poter espletare al meglio il servizio di radiologia;
– di organizzare un incontro per discutere sulla proposta formale inviata dal Comitato scrivente protocollato in data 17/12/2018 n° 0096974/ASL/FG/N_319/A che prevedeva di utilizzare la struttura ospedaliera di radiologia del Masselli Mascia sanseverese con due sedi ovvero Torremaggiore e San Severo ragionando in ottica di rete di servizi a totale vantaggio del bilancio sanitario e della funzionalità effettiva per i cittadini;
ad oggi l’ASL FG non ha mai risposto alla nostra proposta formale ( PEC del 2/01/2019 ) mirata all’ ottimizzazione del flusso di pronto soccorso all’interno del PPIT di Torremaggiore che prevedeva tra l’altro l’ attivazione della reperibilità infermieristica h24 e la implementazione del servizio radiologico da h6 ad h12 finalizzata ad una maggiore qualità del servizio sanitario erogata al cittadino dato che:
– l’attivazione della reperibilità H24 per il personale infermieristico al PPIT permetterebbe l’eventuale uscita dell’ambulanza ASL verso i nosocomi limitrofi senza utilizzare inutilmente il servizio del 118;
– l’attivazione della funzionalità operativa H12 della Radiologia del PTA San Giacomo ( 8-20) permetterebbe di ottimizzare il flusso di pronto soccorso all’interno della medesima struttura evitando l’affollamento superfluo presso la struttura ospedaliera del Masselli Mascia di San Severo ;
– fornendo maggiore autonomia al PPIT di Torremaggiore con questi piccoli accorgimenti si consentirebbe di decongestionare realmente il nosocomio sanseverese.
ad oggi l’ ASL FG non ha ancora attivato gli altri servizi sanitari per il PTA San Giacomo di Torremaggiore previsti dal Protocollo di Intesa Comune di Torremaggiore – ASL FG sottoscritto il 25/03/2011 e confermati dal Regolamento Regionale del 4/06/2015 n°14 nè ha tantomeno esplicitato il cronoprogramma di attivazione dei seguenti servizi per arrivare dagli attuali 17 PLT ( 9 di UDT e 8 di Hospice) ai 54 previsti dal documento regionale:
– Ospedale di comunità pediatrico con sei posti letto territoriali
– Centro per l’autismo a ciclo diurno
– RSA con tipologia R1 con venti posti letto territoriali
– Day service medico e chirurgico
– Ambulatorio Infermieristico

RILEVATO CHE

ad oggi il Dott. Michele Emiliano in qualità di Presidente della Giunta Regionale e di Assessore alla Salute non ha mai risposto a ben tre interrogazioni in Regione su queste criticità anzidette firmate dal Vice Presidente del Consiglio Regionale Avv. Giandiego Gatta e dal dott. Nicola Marmo ( protocollate in data 26/06/2018 , 30/07/2018 e 11/01/2019 ) e a quattro mozioni votate all’unanimità dai comuni di Torremaggiore, Serracapriola, Castelnuovo della Daunia e San Paolo di Civitate tra agosto e ottobre 2018 che vertevano su questi temi sollevati dal Comitato

CONSIDERATO CHE

ad oggi non c’è alcuna risposta dalla Regione Puglia e dalla Direzione Generale dell’ASL FG su questi temi esposti

SI RICHIEDE

una fattiva collaborazione da parte della DG ASL Fg e del Governatore pugliese per risolvere in tempi brevi queste criticità attraverso un congiunto incontro formale per rendere note le soluzioni ed il cronoprogramma per quanto esposto. Il Comune di Torremaggiore è peraltro commissariato da dicembre 2018 e manca un interlocutore istituzionale locale su queste delicate tematiche. L’intera comunità dell’Alto Tavoliere della Puglia è stanca dell’ennesima situazione di stallo che viene trascinata dal 2011 e ad oggi continua ad essere irrisolta.

Si attende gradito riscontro

Con Osservanza

Il Direttivo del Comitato

Commenti tramite Facebook

Related posts