Brevi News Politica Prima Pagina 

Creazione di un unico istituto comprensivo a Torremaggiore? Ecco la proposta del Preside Prof Matteo Scarlato

Nei prossimi giorni la Regione Puglia avvierà l’iter amministrativo per procedere al dimensionamento della rete scolastica che prevede la formulazione di proposte da parte delle Istituzioni scolastiche e degli enti locali di riferimento, Comuni per il primo ciclo di istruzione, Province per il secondo ciclo di istruzione.

E’ parere dello scrivente che il dimensionamento della rete scolastica più razionale per la nostra comunità, sia quello della creazione di un Istituto Comprensivo che riunisca al suo interno l’attuale Secondo Circolo Didattico “E. Ricci” (d’ora in poi “E. Ricci”) con la Scuola Media Statale “Padre Pio” (d’ora in poi “Padre Pio”). 

Tale dimensionamento avrebbe il vantaggio di:

  • stabilizzare definitivamente il Primo Ciclo di istruzione, soprattutto per il segmento della scuola secondaria di I grado (Scuola Media Statale “Padre Pio”) che rischia lunghi e problematici anni di reggenza;
  •  razionalizzare l’edilizia scolastica del Comune che vede attualmente impiegati n. 4 sedi, di cui due con utilizzo promiscuo tra Scuole, Comune e varie Associazioni, con evidenti enormi criticità derivanti da tale uso. Con la realizzazione di un Istituto Comprensivo, invece, si potrebbero utilizzare solo n. 3 sedi per la sola finalità del servizio scolastico, sedi sulle quali il Comune potrebbe finalmente concentrare le proprie risorse per programmare quegli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria attesi da tempo.

L’unico svantaggio di tale dimensionamento sarebbe l’iniziale numero di alunni, inizialmente pari a circa 1600 e che si attesterebbe nel giro di pochissimi anni a circa 1300 alunni. E’ da considerare, però che:in Italia, nella stessa Puglia, ci sono numerosi Istituti scolastici che hanno un numero di alunni di circa 1600 o istituti che, nonostante abbiano un numero di alunni inferiore, hanno sedi distribuite su numerosi Comuni, cosa questa di gran lunga più problematica di avere un elevato numero di alunni però presenti su un unico Comune. Si ribadisce, comunque, che il notevole calo demografico a cui va incontro la nostra comunità cittadina, nel giro di pochi anni, porterà il numero di alunni a valori pressochè normali.

Assolutamente non auspicabile è un dimensionrevamento che peda la realizzazione di n. 2 istituti Comprensivi, che nascerebbero, verosimilmente, il primo dall’accorpamento della ex sede unica della E. Ricci con la sede di via Nenni della Padre Pio, mentre il secondo dall’accorpamento della sede “ex S. G. Bosco” della E. Ricci con la sede “ex Celozzi” della Padre Pio, procedendo così nuovamente a dividere i due Circoli Didattici appena quest’anno accorpati.

Con questo dimensionamento, un’Istituto comprensivo avrebbe l’indirizzo musicale e una edilizia scolastica di maggiore funzionalità (auditorium, palestre, ambienti didattici,…) mentre l’altro no. E’ facile ipotizzare che il secondo Istituto comprensivo si troverebbe da subito con un numero di iscritti attorno ai 600 alunni e pertanto perennemente a rischio di sottodimensionamento con conseguente perdita di autonomia, periodi di reggenza in attesa dell’accorpamento.

Altri dimensionamenti che prevedessero la realizzazione di Istituti Scolastici tra Torremaggiore e comuni limitrofi sarebbero, a parere dello scrivente, la soluzione peggiore di tutte, per la insita complessità nella gestione e per la necessità di interlocuzione dell’istituzione scolastica con due o più amministrazioni locali e comunità cittadine. 

Al fine di formulare una proposta coerente e condivisa da parte dei soggetti istituzionali coinvolti, lo scrivente ha richiesto un incontro con il Sindaco e il Dirigente Scolastico della Scuola Media statale “Padre Pio” che avverrà il 17 ottobre, presso l’Ufficio Cultura del Comune di Torremaggiore.

Il Dirigente Scolastico

prof. Matteo Scarlato

La tesi del Preside Scarlato è confermata anche dall’ipotesi formulata dalla Regione PUGLIA : ecco il grafico

Commenti tramite Facebook

Related posts