Parata in porta " , terracotta di Giacomo Negri - www.torremaggiore.comComunicati 

“Belle e nascoste” nasce il comitato per la difesa del patrimonio artistico di Torremaggiore

Il patrimonio artistico lasciato da chi ha operato nel settore delle arti è un patrimonio immensamente importante . Quando alcune parti di esso vengono maltrattate , nascoste, offese , quel patrimonio e noi tutti veniamo maltrattati , nascosti , offesi . Non esiste una civiltà che si vuole chiamare tale e offende l’ arte dei suoi padri .

negri-tm

Si é deciso di andare a caccia di opere d’arte del territorio e della città di Torremaggiore (Fg) realizzate nel passato , celate dalla cecità e dall’ ignoranza , che vengono offese regolarmente dalle nuove costruzioni, dallo spazio dato a tutto ciò che non lo merita , dalla devastazione e dalla sovrabbondanza del cattivo gusto . La scelta é maturata dopo aver amaramente constatato che , ad esempio , la ” Sezione Museale Giacomo Negri ” , che tiene letteralmente imprigionate le opere dello scultore torremaggiorese in una stanza al pianterreno del Castello Ducale , é sempre chiusa . Un museo chiuso é inutile ed infruttifero oltreché segno , quantomeno , di trascuratezza .

CIMG5209

LA MADRE - Timbro

2 gugno 2013 sera 2

” Il patrimonio artistico non si chiama “patrimonio” a caso. Può essere ed in molti casi è risorsa, immagine , impresa , successo, come avviene in tutto il mondo. Capire questo significa avere nuove opportunità ” . Marcello Di Pumpo, designer torremaggiorese che vive e lavora a Bologna sintetizza così il suo pensiero da co-fondatore del comitato che sta raccogliendo adesioni anche con l’ ormai tradizionale gruppo Facebook ( https://www.facebook.com/groups/580279341995576/?fref=ts )che fa da cassa di risonanza. Gli altri promotori dell iniziativa , Lorenzo De Santis e Giorgio Barassi sperano in una adesione alle iniziative che verranno a breve per attirare l’ attenzione su un grave pericolo : quello dell’ abbandono e dell’ incuria di monumenti, architettura ed opere d’arte del passato.

Giorgio Barassi :
” Con Lorenzo De Santis abbiamo combattuto a lungo per ottenere una nuova veste del Monumento ai Caduti di Torremaggiore, oppresso da palme incoerenti e abbandonate alla loro crescita selvaggia fino al rifacimento delle aiuole, lo scorso autunno. Altre battaglie riguardano tesori nascosti come le opere di Negri , chiuse in uno stanzino umido , uno scempio , un danno enorme per tutti ! Per stare con noi basta solo essere liberi e fieri di amare l’ arte e il luogo in cui siamo nati “. Proseguono Lorenzo De Santis: ” Ma la battaglia è ancora da combattere . Sul complesso monumentale del “Vittorioso” , anno 1924 , é un continuo camminare di ragazzini , che calpestano i nomi dei soldati morti in guerra . Durante la festa patronale, nella serata del 2 giugno scorso , la gente ha invaso l’ aiuola , trattandola come non si deve mai fare con la storia e con l’ arte . Poi il Comune ha provveduto a mettere una recinzione, ma ormai il danno è fatto . Questo non deve succedere più “. “Belle e nascoste” annuncia una serie di iniziative che saranno presto visibili da tutti. E’ obbligatorio capire che ormai non sarà più la bellezza a salvare il mondo, ma é il mondo che dovrà salvare la bellezza . Diamoci da fare .

NOta del Comitato per la difesa del patrimonio artistico di Torremaggiore; la responsabilità del contenuto è ESCLUSIVAMENTE dell’autore

Commenti tramite Facebook

Related posts