Giovedì, Giugno 21, 2018
   
Text Size

Torremaggiore on-line


Iscriviti Gratis alla newsletter su Torremaggiore

Il 14 marzo 2011 la Regione Puglia chiuderà definitivamente il "San Giacomo" di Torremaggiore

Come avevamo già annunciato nei mesi scorsi dal 14 marzo 2011 ci sarà la cessazione definitiva delle attività dei nosocomi di Torremaggiore, San Marco in Lamis e Monte Sant’Angelo. Anche la Gazzetta del Mezzogiorno del 5 marzo 2011 ha confermato questa notizia; da questo sito vi diamo la possibilità anche di scaricare la delibera regionale DEFINITIVA che sancisce la chiusura del "San Giacomo".

“La comunicazione formale con cui la Regione Puglia ha disposto la chiusura degli ospedali di Torremaggiore, San Marco in Lamis e Monte Sant’Angelo ci preoccupa profondamente. Da questo punto di vista la Provincia di Foggia manterrà alta l’attenzione già manifestata concretamente sul Piano di Riordino Ospedaliero”. Così Antonio Pepe, presidente della Provincia di Foggia ha commentato l’ennesima scelta scellerata della Regione Puglia in tema di sanità

Scarica la delibera regionale che conferma la chiusura definitiva del San Giacomo di Torremaggiore
delibera-regione.puglia-chiusura definitiva

 

COMMENTA LA NOTIZIA SUL BLOG DI WWW.TORREMAGGIORE.COM

 

“Abbiamo detto a chiare lettere ed in più occasioni che alla Capitanata non manca la consapevolezza istituzionale della necessità di mettere in campo interventi che si muovano nel rispetto del Piano di Rientro Finanziario concordato dalla Regione con il Governo nazionale – aggiunge Antonio Pepe – Allo stesso modo, però, abbiamo affermato con forza la necessità di non penalizzare il diritto alla salute di intere comunità, indicando anche sul piano operativo quelle strade utili a realizzare una riconversione degli ospedali. Suggerimenti e proposte che sono stati avanzati in modo trasversale, al di là delle appartenenze politico-partitiche e, dunque, in uno spirito di piena intesa istituzionale ma di cui oggi, purtroppo, non sembra esserci traccia. Così come non vediamo un programma di azioni per difendere lo straordinario presidio degli ‘Ospedali Riuniti’ da quel depauperamento cui lo esporrebbero i tagli contenuti nella pianificazione predisposta dal Governo regionale”.

Dal sito Tutto Sanità Puglia è possibile scaricare il Testo Integrale della ultima deliberazione della Giunta Regionale che sancisce la Disattivazione degli stabilimenti ospedalieri, rientranti nella tipologia di cui all’art. 3, co. 2, lett. di seguito elencati:
- Ruvo di Puglia
- Bitonto
- Santeramo in Colle
- Minervino Murge
- Spinazzola
- Cisternino
- Ceglie Messapica
- Monte Sant’Angelo
- Torremaggiore
- San Marco in Lamis
- Gagliano del Capo
- Maglie
- Poggiardo
- Massafra
- Mottola

null

E’ approvato, entro il 31/12/2010, il riordino della rete ospedaliera!

La delibera riporta che i territori interessati dalla disattivazione degli stabilimenti ospedalieri saranno oggetto di processi di potenziamento e riqualificazione delle attività assistenziali territoriali alternative al ricovero, quali:
a) assistenza domiciliare;
b) assistenza specialistica ambulatoriale;
c) assistenza residenziale e semiresidenziale;
d) riorganizzazione della medicina di gruppo.

 

I territori interessati dalla disattivazione degli stabilimenti ospedalieri saranno oggetto di processi di potenziamento e riqualificazione delle attività assistenziali territoriali alternative al ricovero, quali:
a) assistenza domiciliare;
b) assistenza specialistica ambulatoriale;
c) assistenza residenziale e semiresidenziale;
d) riorganizzazione della medicina di gruppo.


ASSISTENZA RESIDENZIALE E SEMIRESIDENZIALE =
a tali fini con assistenza residenziale e semiresidenziale, si intende in particolare il complesso integrato di interventi, procedure e attività sanitarie e socio-sanitarie erogate a persone non autosufficienti e non assistibili a domicilio, all’interno di idonei “nuclei accreditati” per la specifica funzione.

ASSISTENZA SPECIALISTICA AMBULATORIALE = comprende le visite, le prestazioni specialistiche e di diagnostica strumentale e di laboratorio e tutte le altre prestazioni di diagnosi cura e riabilitazione previste dal Nomenclatore tariffario nazionale della attività di medicina specialistica.

RIORGANIZZAZIONE DELLA MEDICINA DI GRUPPO = La medicina di gruppo è una delle forme di organizzazione del lavoro per i medici di medicina di famiglia per lo svolgimento della propria attività in una sede unica, che rende più facili gli scambi di esperienze professionali, in modo tale che ogni professionista sia in grado di confrontarsi con i colleghi sulle scelte professionali. Permette inoltre di garantire un’assistenza multiprofessionale agli utenti e per un arco di tempo maggiore, assicurato con una organizzazione del servizio che prevede integrazioni di orari di apertura degli studi e la collaborazione di infermieri e specialisti coordinati dai medici di famiglia del gruppo. Ogni cittadino mantiene comunque il proprio medico di fiducia, cui continuerà a rivolgersi e che si occuperà di lui in maniera esclusiva.

ASSISTENZA DOMICILIARE = L’Assistenza Domiciliare Integrata è una forma di assistenza rivolta a soddisfare le esigenze quasi esclusivamente degli anziani, dei disabili e dei pazienti affetti da malattie cronico-degenerative in fase stabilizzata, parzialmente, totalmente, temporaneamente o permanentemente non autosufficienti, aventi necessità di un’assistenza continuativa, che può variare da interventi esclusivamente di tipo sociale (pulizia dell’appartamento, invio di pasti caldi, supporto psicologico, disbrigo di pratiche amministrative, ecc.) ad interventi socio-sanitari (attività riabilitative, assistenza infermieristica, interventi del podologo, ecc.). Il suo obiettivo é quello di erogare un servizio di buona qualità, lasciando al proprio domicilio l’ammalato, consentendogli di rimanere il più a lungo possibile all’interno del suo ambiente di vita domestico e diminuendo notevolmente, in questo modo, anche i costi dei ricoveri ospedalieri.

SCARICA IL DOCUMENTO UFFICIALE DELLA REGIONE PUGLIA
ALL – Regolam_ riordino rete ospedaliera

Nell’ASL FG si riducono i posti letto da 970 a 713 ecco il documento ufficiale, a Torremaggiore si passa da 44 posti letto a ZERO
P_L_ ASL FG

SCARICA IL TESTO INTEGRALE DAL SITO DELLA REGIONE PUGLIA – WWW.TUTTOSANITA.IT

 

 

EVOLUZIONI SULLA TEMATICA

Il Sindaco Ciancio attacca l'ASL FG in tv su TeleBLU - 22/01/2011 - Torremaggiore.Com

ENZO QUARANTA (PD): continua lo scippo al San Giacomo di Torremaggiore - 16/01/2011 - Torremaggiore.Com

Il Sindaco Ciancio il 21 gennaio sarà in Commissione Sanità a BARI - 20/01/2011 - Torremaggiore.Com

Emendamenti presentati dal PD contro il Piano Sanitario, rispunta Torremaggiore - 19/01/2011

Consiglio Comunale monotematico il 28 gennaio 2011 con la presenza di Dino Marino (PD) - Torremaggiore.Com

 

 

 

COMMENTA LA NOTIZIA SUL BLOG DI WWW.TORREMAGGIORE.COM