Brevi News Politica 

L’aumento della differenziata a Torremaggiore dal 18 al 53 per cento ha permesso la riduzione della Tari, approvato dal consiglio comunale il bilancio di previsione 2018

Il Consiglio comunale di Torremaggiore del 15 marzo 2018 ha approvato tutti i punti all’ordine del giorno

 

Approvati tutti gli accapi all’ordine del giorno del Consiglio comunale di Torremaggiore, svoltosi nei giorni scorsi, riguardanti il bilancio di previsione 2018. Restano confermate tutte le aliquote concernenti le imposte quali l’addizionale Irpef, l’Imu e la Tasi, ormai ferme da alcuni anni. Ma è sulla Tari che si registra la novità importante: “lo sforzo di questa Amministrazione, che in appena un anno di lavoro con l’estensione della raccolta porta a porta ha consentito di portare la percentuale di differenziata dal 18%, al momento del nostro insediamento, al circa il 53% attuale, ci consente adesso di ridurre la Tari e di investire maggiori risorse sul nuovo appalto di raccolta e smaltimento rifiuti al fine di migliorare lo spazzamento e la pulizia in città”, evidenzia il Sindaco di Torremaggiore, Pasquale Monteleone.

 

 

 

 

La diminuzione della Tari sarà più sensibile per le utenze non domestiche (bar, pizzerie, studi professionali ecc.) mentre per le utenze domestiche sarà contenuta all’aumentare della superficie dell’immobile.  “Inoltre sono previsti nuovi investimenti su acquisto di attrezzature, in attesa di conoscere l’esito della richiesta di finanziamento della nuova isola ecologica da parte della Regione Puglia – prosegue il primo cittadino che conclude – “Ancora una volta la maggioranza ha dimostrato compattezza approvando all’unanimità tutti i punti in discussione nell’ultimo Consiglio. Spiace rilevare che la minoranza abbia votato contro la diminuzione della Tari. Una opposizione cieca che ha dimostrato semplicemente l’assoluta mancanza di interesse nei confronti della città”.

Contributo esterno / comunicato del Comune di Torremaggiore

Commenti tramite Facebook

Related posts