You are here
Prima Pagina 

Raccolta differenziata a Torremaggiore: raggiunta quota del 50%

Riceviamo e pubblichiamo nota dell’ Ufficio Segreteria del Sindaco di Torremaggiore con riferimento ai dati della raccolta differenziata estesa a tutta la città dal 1 marzo 2017.

 

 

Com’è ormai noto dal 1° marzo l’Amministrazione Comunale di Torremaggiore guidata dal Sindaco Monteleone ha esteso all’intero territorio cittadino il servizio di raccolta differenziata dei rifiuti “porta a porta” dopo anni di rinvii allo scopo di favorire maggior igiene e decoro ambientale e ridurre il conferimento di rifiuti indifferenziati in discarica.

A seguito dell’informativa consegnata a domicilio, degli incontri con gli esercenti, con gli amministratori di condominio e del lavoro di controllo messo in atto dalla polizia locale, Torremaggiore non delude le aspettative dei propri Amministratori in merito ai risultati ottenuti attraverso la raccolta differenziata dei rifiuti. Il sistema ha fatto registrare, in questo primo mese un drastico calo di rifiuti indifferenziati conferiti in discarica. Nel complesso, la raccolta differenziata ha conseguito nel mese di marzo il 52,81%, un dato eccelso, promettente e del tutto inedito per la nostra cittadina contro la media dello scorso anno pari al 18%.

Il Sindaco Monteleone a nome della Civica Amministrazione esprime soddisfazione per il primo risultato incoraggiante, un dato estremamente positivo che ovviamente va confermato e rafforzato nei prossimi mesi grazie all’accresciuta sensibilità e partecipazione della maggioranza dei cittadini e aziende e dell’impegno congiunto della ditta che svolge il servizio di raccolta rifiuti e dell’Amministrazione Comunale.

Ovviamente il margine di miglioramento è ancora ampio ed è per questo che si lavora al perfezionamento del sistema su diversi fronti: dalla sensibilizzazione anche nelle scuole nelle prossime settimane al sempre più incisivo controllo contro l’abbandono indiscriminato dei rifiuti e infine con più adeguate infrastrutture in materia ambientale per le quali sono stati richiesti finanziamenti alla Regione Puglia.

Commenti tramite Facebook

Related posts