Politica Prima Pagina 

L’UdC è fuori dal consiglio comunale di Torremaggiore. Garofalo e De Santo si dichiarano indipendenti ma restano in maggioranza

Riceviamo e pubblichiamo nota dei consiglieri di maggioranza Martina De Santo e Francesco Garofalo

“We had a dream…” avevamo un sogno, restituire a Torremaggiore la giusta collocazione nello scenario politico-amministrativo della Capitanata. Dopo anni di saccheggi perpetrati ai danni della nostra cittadina da parte dei vari partiti politici, avevamo deciso di ridare voce a una realtà, la nostra, sempre più “polo” in una rete di cittadine satelliti che attingono, quotidianamente, ai nostri servizi. Un progetto che viene da lontano, basato sulle opportunità e sulla giusta collocazione da dare alla nostra città e di rimando a tutto il comprensorio satellite. Al fine di rilanciare il nostro territorio, abbiamo deciso di non consentire più ad alcun “Questuante politico” di turno il saccheggio del nostro patrimonio umano, sociale e culturale. Questo sogno si è infranto, allorquando alla opportunità politica, economica e sociale è subentrato l’utilitarismo del calcolo personalistico, che nulla ha a che vedere con la genuina volontà di far crescere un territorio funzionale all’affermazione dell’intera provincia. Si è cercato di far crescere sempre e solo un territorio a danno di un altro, questo perché non apparteniamo all’area Garganica? Un progetto inizialmente condiviso dal partito Unione di Centro e supportato con ogni mezzo da tutta l’amministrazione comunale di Torremaggiore (dove UDC era molto ben rappresentata!), unita nel perseguire questo grande sogno.

Sembrava giunto il momento giusto, dopo anni di totale abnegazione e di assoluta dedizione agli ideali del partito, di costruzione del consenso intorno a proposte di lavoro concrete. Avevamo la certezza di esserci guadagnati la fiducia dei vertici provinciali e regionali, ma a nulla sono serviti il valore dei progetti e gli “alti” propositi delle persone in campo. Evidentemente altre erano le logiche di Unione di Centro, certamente non l’intento di contribuire fattivamente alla rinascita di una cittadina di rilievo come Torremaggiore.

La decisione di dichiararsi indipendenti dal partito Unione di Centro è stata sofferta, soprattutto dal punto di vista umano; tante sono state le battaglie appassionate condotte insieme, ma la nostra direzione non è più la stessa del partito. Noi siamo Torremaggiore, siamo la nostra terra, la amiamo più di ogni cosa e siamo certi che amare Torremaggiore significa amare la Capitanata tutta. Continuiamo a portare avanti le nostre idee, di crescita e di sviluppo, più forti e determinati di prima, senza il fardello pesante imposto dalla vecchia politica, senza la zavorra che pone in contrasto idee e progetti. Pertanto, in autonomia, lavoreremo come “Torremaggiore Civica” al rilancio del nostro territorio, certi del sostegno dei nostri cittadini che tanta fiducia hanno riposto e riporranno in noi.

Rinnoviamo profonda fiducia al Sindaco, dott. Monteleone, al Presidente del Consiglio Comunale, ai gruppi Consiliari di maggioranza e alla Giunta esecutiva. A loro, diamo il nostro totale appoggio, come rappresentanti di “Torremaggiore Civica”, ancora più uniti e compatti nel comune intento di “fare bene” per la nostra cittadina.

I Consiglieri

Martina De Santo
Francesco Garofalo

 

 

Commenti tramite Facebook

Related posts