Politica 

Esito delle primarie PD a Torremaggiore: la nota del circolo locale

Il 30 Aprile, a Torremaggiore, come del resto in ogni città italiana, si sono tenute presso la sezione del Partito
Democratico le votazioni per la scelta del segretario nazionale. Il primo dato che emerge è la notevole
partecipazione. 729 cittadini hanno espresso la loro formale adesione al progetto del Partito Democratico di
Torremaggiore, scegliendo il candidato ritenuto migliore per il ruolo di segretario nazionale. Questo dato ci
conforta e dimostra che la locale sezione del Partito riesce ad essere attrattiva e stimolare la partecipazione
diretta dei nostri concittadini. Un dato, quello della partecipazione, maggiore di quello espresso nelle
primarie del 2013, dove parteciparono poco più di 600 persone.

E’ evidente che la locale sezione del Partito Democratico vuole aprirsi ai singoli cittadini e ai gruppi politici
organizzati che si rispecchiano nella nostra visione della società, nel rispetto delle regole del nostro statuto.
Apertura che ha visto l’adesione convinta di Democrazia è Partecipazione che si era dimostrata già nostra
valida alleata alle scorse amministrative. Apertura che sta costruendo un intenso dialogo con altre liste
civiche provenienti da culture socialiste e moderate, e che hanno formalmente espresso di voler proseguire
un percorso politico all’interno del Partito Democratico. Apertura che ha visto la partecipazione di singoli
cittadini o gruppi che negli ultimi anni si erano allontanati dalle posizioni espresse dal Partito Democratico.
Ma la vera novità politica delle primarie del 30 aprile è stata la partecipazione diretta e compatta della
neonata formazione politica “Capitanata civica” che, sostenendo la candidatura di Michele Emiliano, ha
formalizzato, attraverso la sottoscrizione dell’adesione al Partito Democratico, la volontà politica ad essere
parte del nostro partito politico. Capitanata civica, cui hanno aderito due consiglieri comunali e un assessore,
con la loro partecipazione alle primarie del PD, ha avuto il coraggio di prendere le distanze dall’Amministrazione Monteleone, confermando pubblicamente che il progetto politico del Partito Democratico e della coalizione di centro sinistra è sicuramente migliore di quello che esprime l’attuale compagine di governo della città.

La partecipazione di tutti gli aderenti a tale movimento alle primarie del PD (gli unici che non hanno votato
sono stati gli eletti di tale movimento, come previsto dall’art. 2 comma 9 dello Statuto del PD, ma di contro
hanno votato parenti diretti degli stessi) è un chiaro messaggio politico che noi dirigenti del Partito
Democratico abbiamo colto e che cercheremo di mettere subito a frutto. Ci facciamo carico, quindi, di
verificare, anche attraverso i referenti provinciali e regionali, non escludendo lo stesso Michele Emiliano,
quale possa essere il percorso politico da proseguire con Capitanata Civica.

Nel contempo crediamo che si dovrà aprire una riflessione politica tra le fila della maggioranza di governo,
che continua a perdere pezzi, come dimostrano tali nuovi scenari politici.
Siamo convinti che questa amministrazione, spenta e vuota dal primo giorno, sia arrivata al capolinea.
Rivolgiamo l’appello quindi a tutti i rappresentanti politici e istituzionali che condividono con noi l’idea di
dotare la città di un governo competente e attivo, di intraprendere da subito un percorso politico comune
per il bene di Torremaggiore e dei suoi cittadini.

IL DIRETTIVO SEZIONALE DEL PD di Torremaggiore FG

Commenti tramite Facebook

Related posts