Prima Pagina 

Il Comune di Torremaggiore ha candidato il Vittorioso al bando Mibact per il restauro

Il monumento ai Caduti di piazza dei Martiri, realizzato dall’artista Giacomo Negri, è stato candidato dall’Amministrazione comunale di Torremaggiore al bando emanato dal Ministero dei Beni Culturali che prevede l’assegnazione di contributi a progetti e iniziative relativi al patrimonio storico della Prima Guerra Mondiale.

“Tra gli obiettivi dell’Amministrazione comunale – spiega il Sindaco Pasquale Monteleone – rientra la valorizzazione dei beni architettonici e monumentali della città, finalizzata alla conservazione e alla trasmissione della memoria storico-culturale alle nuove generazioni. Il monumento ai Caduti, è un simbolo della città e sta per raggiungere il 100° anniversario della data di inaugurazione. La manutenzione e il restauro di questa importante opera artistica, dunque, rientra perfettamente nei canoni stabiliti dal bando ministeriale in quanto opera celebrativa della Grande Guerra. Ai fini dell’acquisizione di un maggior punteggio nella graduatoria del Ministero, affinché l’opera sia finanziabile – conclude il primo cittadino – abbiamo stabilito di cofinanziare il progetto di manutenzione e restauro con 2.500 euro rinvenienti dal bilancio comunale”.

Il gruppo scultoreo che rappresenta un soldato italiano trionfante su un soldato austriaco sconfitto, è stato fuso in bronzo e patinato “bronzo moderno”, misura 2,90 metri in altezza e poggia su una base troncopiramidale in pietra di Apricena a sezione quadrata di 1,70 metri di lato, coronata da un fregio decorativo a rilievo e con i nomi dei caduti della Prima Guerra Mondiale incisi nella pietra e resi visibili con vernice nera, mentre il motto “Sacri alla religione della Patria” è in lettere in bronzo. Il basamento è composto da uno zoccolo quadrato di 3,60 metri di lato che sostiene tutta la struttura. Successivamente su di esso sono stato aggiunti in caduti e i dispersi torremaggioresi della Seconda Guerra Mondiale. Il monumento è stato collocato in piazza il 3 giugno 1923 dopo essere stato commissionato dal comitato promotore nel 1922.

 

Commenti tramite Facebook

Related posts