You are here
Appuntamenti Prima Pagina 

Referendum costituzionale 4 dicembre 2016: a Torremaggiore affluenza al 56,7%. No al 62%, il SI fermo al 38%

 

TORREMAGGIORE – AFFLUENZA ALLE ORE 12 – 13,03 %

TORREMAGGIORE – AFFLUENZA ALLE ORE 19 – 38,54%

TORREMAGGIORE – AFFLUENZA ALLE ORE 23 – 56,70%

FONTE: MINISTERO DELL’INTERNO

 

4.584  voti per il NO  pari al 62%

2.850 voti per il SI pari al 38%

Aggiornamento 01.30 – 05-12-2016

 

 

 

seggio-2012

 

Domenica 4 dicembre 2016, dalle ore 7.00 alle ore 23.00, si svolgeranno le consultazioni elettorali per il referendum costituzionale, recante “Disposizioni per il superamento del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari, il contenimento dei costi di funzionamento delle istituzioni, la soppressione del CNEL e la revisione del titolo V della parte II della Costituzione”.

 

Si ricorda che gli elettori del territorio nazionale, per poter esercitare il diritto di voto presso l’ufficio elettorale di sezione nelle cui liste risultano iscritti, dovranno esibire, oltre ad un documento di identità, la tessera elettorale personale a carattere permanente.

Qualora non si rinvenga la propria tessera elettorale o si rilevi che gli spazi per l’apposizione del timbro sono esauriti, si potrà chiedere una nuova tessera agli uffici comunali che, a tal fine, assicureranno l’apertura al pubblico nelle giornate di venerdì 2 e sabato 3 dicembre, dalle ore 9.00 alle ore 18.00, mentre domenica, giorno della votazione, per tutta la durata delle operazioni di voto (dalle ore 7.00 alle ore 23.00).

Lo scrutinio dei voti inizierà nella stessa giornata di domenica, subito dopo la chiusura delle votazioni ed appena ultimate le operazioni preliminari allo scrutinio stesso.
Contemporaneamente, si svolgerà anche lo scrutinio delle schede votate per posta all’estero.

 

 

referendum-scheda

 

Quale è il quorum necessario affinché il referendum costituzionale sia valido?

Per la validità del referendum costituzionale confermativo, a differenza che per il referendum abrogativo, non è previsto dalla legge un quorum di validità; non si richiede, cioè, che alla votazione partecipi la maggioranza degli aventi diritto al voto e l’esito referendario è comunque valido indipendentemente dalla percentuale di partecipazione degli elettori.

 

Commenti tramite Facebook

Related posts