You are here
Brevi News Politica 

De Cesare (PRC) : nel centro destra di Torremaggiore c’è una grande massa di opportunisti e inciucisti

PRC: NEL CENTRO DESTRA DI TORREMAGGIORE C’E’ UNA GRANDE MASSA DI OPPORTUNISTI E “INCIUCISTI

 

prc-logo-2016

 

Nelle ultime e recenti elezioni amministrative a Torremaggiore il centro-destra ha vinto. Uno dei motivi che ha contribuito alla sua vittoria è stato quello della denuncia della “sete di potere” che, a loro dire, ha sempre contraddistinto le amministrazioni di centro-sinistra che le hanno precedute e la loro politica dell’occupazione di tutti i posti disponibili nel Comune e nelle Associazioni “amiche”. Che cosa stiamo vedendo in questi primi mesi di nuovo “governo” cittadino? Che la nuova amministrazione non solo sta assegnando tutti i posti alla sua parte politica ma sta prenotando pure i “strapuntini” di eventuali posti futuri. Dov’è la trasparenza assoluta di tutti gli atti amministrativi? Si sta forse agevolando la “parentopoli” degli amministratori? E’ così che si dà a tutti i Cittadini la possibilità di partire alla pari negli incarichi lavorativi premiando unicamente il merito e la professionalità?.E’ vero che non si può pretendere la “bacchetta magica” per risolvere i numerosi problemi che attanagliano la Città ma, la speranza dei Cittadini elettori era che ci fosse una reale alternativa amministrativa che desse un segnale di speranza e cambiamento.

 

comune-tm-orologio

 

L’inizio non è dei migliori e non fa ben sperare. Il motivo politico di questa scialba partenza sta nella constatazione certa che il centro-destra e la destra di Torremaggiore è composta, a maggioranza, da persone opportuniste e ‘inciuciste’ e lo stanno dimostrando nel come lavorano per la prossima scadenza elettorale del Referendum del prossimo 4 dicembre.

Nessuno di loro ha preso posizione politica né per il NO e né per il SI, scegliendo la politica dello ‘struzzo’ del nascondere la testa sotto la sabbia e del non fare niente, così il 5 dicembre loro vincono di sicuro sia se vince il NO che se vince il SI. Questo dimostra una sola cosa, che a Torremaggiore non esiste una vera classe politica seria che pensi al bene collettivo ma tanti piccoli personaggi che indossano indifferentemente la casacca di destra o di “sinistra” buona per ogni occasione. Crediamo che la “maledizione” che ha colpito la nostra Città di non permettere la normale conclusione del mandato politico (5 anni) delle varie amministrazioni non sia finita, anzi, questa amministrazione è stata supportata nella vittoria da numerose liste e temiamo che sia difficile, per lei, soddisfare gli appetiti di tutti e se non cambia strategia e pratica avrà una breve durata politica.
Siamo consapevoli che anche la sinistra rappresentata da Rifondazione Comunista non gode di buona salute perché è difficile per molti accettare una politica dedicata unicamente agli interessi collettivi e non a quelli propri, una politica che pensi a creare posti di lavoro veri e non precari, che sia di riscatto per i ceti deboli della società, una politica che faccia sentire tutti i Cittadini protagonisti della vita sociale e non sudditi del podestà di turno.

Noi continuiamo a batterci perché anche a Torremaggiore possa crearsi e svilupparsi una buona politica amministrativa lontana dagli opportunismi.
Per questo motivo Rifondazione Comunista il 4 dicembre vota un NO convinto perché a livello nazionale, se vincesse il SI, sarebbe la vittoria di chi vuole stravolgere una buona COSTITUZIONE per accentrare il potere nelle mani dell’Esecutivo politico e degli “onorevoli” opportunisti e “inciucisti” (Renzi -Boschi – Verdini- Alfano – Casini…..eccetera).
Torrmaggiore,novembre 2016

PRC TORREMAGGIORE
De Cesare Michelangelo Fulvio

Nota del Partito della Rifondazione Comunista ; la responsabilità del contenuto è ESCLUSIVAMENTE dell’autore.

Commenti tramite Facebook

Related posts