Brevi News InEvidenza Prima Pagina 

Raccolta porta a porta, per ora non ci siamo!

Da ottobre è iniziata anche a Torremaggiore la raccolta differenziata con il servizio di ritiro porta a porta, dal quartiere Spirito Santo, gradualmente sono state coperte altre zone.  Per ora non stono stati comunicati dati ufficiali, ma sono numerose le segnalazioni che arrivano al nostro sito e le lamentele corredate sempre da foto che appaiono sui social network, che indicano che non ci siamo. Inoltre Torremaggiore come comune non ha superato il 40% di raccolta “differenziata” attestandosi ben al di sotto del 10%, facendo così scattare l’ecotassa della regione Puglia, che prevede un costo per tonnellata fino ad € 25,82.

Le segnalazioni riguardano sostanzialmente comportamenti scorretti da parte dei cittadini, che continuano a non differenziare e in particolare:
– conferimento da parte di cittadini che abitano nelle zone servite dal servizio, nei cassonetti di altri quartieri;
– conferimento dell’immondizia solo indifferenziata;
– utilizzo di terzi dei cassonetti riservati ai condomini;
– mancato utilizzo degli appositi cassonetti ad uso familiare, utilizzando “il metodo” delle buste appese ai cancelli (alcuni giustificano  tale azione perchè lasciandole per terra sarebbero distrutte dai tanti cani randagi);
– conferimento presso l’isola ecologica anche fuori dall’orario di apertura, lasciando fuori dal cancello i rifiuti;
– mancanza dei cassonetti per plastica, vetro e carta nei condominii (vedi foto);
– mancati ritiri se non conformi: la domanda è che senso ha buttare la carta, il vetro, scatolame, foglie e rami secchi in una busta di plastica, quando chi cura la raccolta (come fanno negli altri comuni) può svuotare i contenitori direttamente nei furgoni?

differenziata-torremaggiore
Per contrastare i comportamenti scorretti, recentemente il vicino Comune di San Severo ha attivato il servizio SOS rifiuti che prevede controlli sul conferimento e sulle buste abbandonate.

Qualche consiglio per migliorare il servizio:
– aumentare giorni ed orario di apertura dell’isola ecologica
– formazione porta a porta su come conferire i rifiuti obbligando i cittadini ad utilizzare gli appositi cassonetti
– modificando il ritiro dei rifiuti indifferenziati da 3 a 1 volta a settimana, in quanto non essendo deperibili si possono tenere in casa qualche giorno. La modifica della frequenza del ritiro dell’indifferenziata è un incentivo a differenziare, per chi avesse l’urgenza può utilizzare l’isola ecologica.

Attraverso i commenti, invitiamo gli utenti a segnalare problemi e possibili soluzioni.

Commenti tramite Facebook

Related posts