Comunicati Prima Pagina 

PD: a Torremaggiore neppure i morti possono riposare in pace

CON LA GIUNTA DI IORIO, A TORREMAGGIORE NEPPURE I MORTI POSSONO RIPOSARE IN PACE.

cimitero-torremaggiore

La gestione del cimitero del nostro paese arriva davanti ai giudici del TAR che, per l’ennesima volta, sono stati chiamati a supplire all’inettitudine, al pressappochismo ed all’uso distorto ed illegittimo del potere da parte della compagine amministrativa torremaggiorese in associazione ad una burocrozia comunale connivente.

Quale altra considerazione a fronte degli ultimi accadimenti che hanno visto il rilascio di concessioni ad edificare edicole funerarie su di un viale pedonale posto a servizio delle tombe a suo tempo edificate, per di più avallando tale atto concessorio con una successiva delibera di sanatoria.

Risultato: cittadini danneggiati da tale improprio ed illegittimo esercizio del potere discrezionale della Pubblica Amministrazione, costretti a rivolgersi al Tar Puglia per vedere rispettati non solo i loro diritti, ma anche il decoro, le regole e le leggi che dovrebbero ispirare l’azione dei pubblici amministratori.

Una sentenza del Tar di Bari, con la quale è stata affermata la totale illegittimità dell’assegnazione di aree cimiteriali, ricavate “ad hoc” ritagliandole dai viali che dividono le tombe e ne consentono l’accesso.

Gli effetti di tale scellerata decisione della Giunta Di Iorio sono evidenti, tanto più che le due edicole funerarie, già realizzate, dovranno essere demolite in modo da liberare i viali dall’indebita occupazione degli spazi destinati alla viabilità pedonale.

Il malcostume di questa giunta, il mancato rispetto delle leggi e dei regolamenti, la volontà di soddisfare con tombe “ad personam” gli amici degli amici, stanno evidenziando, ancora una volta, la inadeguatezza e la scarsa levatura morale di questo sindaco che non fa altro che procurare enormi danni economici ai cittadini ed inveire con indegne macumbe ed insulti contro chi gli fa notare l’assurdità del suo agire amministrativo.

Lo stesso bilancio comunale si troverà gravato di tutti gli oneri conseguenti al risarcimento dei danni subiti dai cittadini concessionari delle aree, di quelli morali nei confronti dei cittadini danneggiati dall’abuso, delle spese legali e di quant’altro comporterà la definizione della vicenda.

Il PD, nello stigmatizzare ancora una volta il modus operandi dell’Amministrazione Comunale, fa appello alla cittadinanza e alle forze politico-sociali affinchè quanto accaduto sia portato prontamente all’attenzione delle competenti Autorità per il conseguente accertamento delle responsabilità di qualsiasi natura.

Chiediamo di sapere, in quanto cittadini di Torremaggiore, cosa intende fare l’Amministrazione Comunale per l’accertamento delle responsabilità ad ogni livello?

Chiediamo che gli amministratori coinvolti in questa vicenda ed in particolare l’Assessore al ramo competente Antonio Faienza rassegnino le proprie dimissioni, come suggerirebbe il buon senso, di modo per poter affrontare autonomamente la verifica delle proprie responsabilità.

L’ufficio stampa del PD

pd-torremaggiore

Commenti tramite Facebook

Related posts