Appuntamenti 

A tavola con il Mirinello di Torremaggiore il 22 novembre 2014

mirinello-tm

Si chiama “Mirinello” ed è un antica ricetta della cultutra popolare di Torremaggiore dove continua a essere prodotto un liquore dal sapore unico.
Ricavato dalle drupe dell’omonima pianta che cresce nel territorio (Prunus Mahaleb di Santa Lucia), è ormai un autentico prodotto di nicchia.
Il mirinello è un liquore tipico ottenuto dall’estrazione delle essenze di drupe in alcol etilico.
La pianta è un “ciliegio selvatico” di limitato volume coltivato nel territorio dell’Alto Tavoliere dove ben si adatta al clima mediterraneo grazie alla sua rusticità e resistenza alla siccità.
I frutti sono estremamente piccoli e raccoglierli provoca non poche difficoltà mentre il liquore, ottenuto con un procedimento artigianale che prevede l’infusione in alcol delle drupe, è conosciuto e preparato a livello locale dalle famiglie che lo utilizzano come digestivo.
Procedure per la reparazione, storia e ruolo nella gasttronomia locale saranno illustrati in una cena-degustazione organizzata dal Centro studi tradizioni popolari “Terra di Capitanata”
e dal Ristorante “Le Tre Volte” (via Buozzi, 4 a Torremaggiore) in programma sabato prossimo, 22 novembre, alle ore 21.
Previsto l’intervento dell’agronomo Nazario D’Errico, del dr Antonio Damico e del prof. Ettore D’amico.
Oltre a illustrarne peculiarità e procedure di preparazione, sarà presentato un menù in cui i frutti del mirinello saranno protagonisti a tavola. Prevista la degustazione di liquori artigianali, ricavati dal sapere della tradizione gastronomica locale, e dalla’azienda “Longo” di Torremaggiore che ne ha avviato la produzione e la commercializzazione con il proprio brand.

Info e prenotazioni:
Ristorante “Le Tre Volte” tel. 0882.393557, cell. 3294346872
info@ristoranteletrevolte.it

Comunicato

Commenti tramite Facebook

Related posts