Comunicati Politica Prima Pagina 

Lettera aperta alla Direzione Generale ASL Fg per la riconversione del San Giacomo

Alla C.A. dott. Attilio Manfrini
Direttore Generale Asl Foggia
Alla dott.ssa Elena Gentile
Assessore alla Sanità Regione Puglia

Torremaggiore, 03/07/2013

Oggetto: stato avanzamento riconversione ex Ospedale San Giacomo

ospedale-s-giacomo-06

In qualità di rappresentante dell’Amministrazione Comunale ritengo indispensabile fare chiarezza riguardo alla riconversione dell’ex Ospedale San Giacomo così come stabilito dal “Piano di rientro e di riqualificazione del Sistema sanitario regionale” con deliberazione della Giunta Regionale del 15.12.2010, n. 2791 e regolato dal Protocollo d’intesa del 25.03.2011 sottoscritto con Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Foggia.
Delle attivazioni previste dal sopracitato protocollo, solo il modulo dell’Hospice è stato realizzato. Non sono stati rispettati, al contrario, gli impegni presi e dettagliatamente riportati nella predetta delibera, per l’attivazione di n. 2 moduli di R.S.A. da 20 posti letto ciascuno, del Centro per l’Autismo e del Day Service – PCA-PCC. Inoltre non v’è traccia del modulo di riabilitazione neuromotoria, nè tantomeno ci sono notizie sulla struttura enfaticamente denominata “Casa della Salute” che doveva essere istituita nella stesso spazio fisico dell’ormai ex Ospedale.
Si ricorda che il Comune di Torremaggiore, con l’obiettivo di ottimizzare i servizi socio-sanitari nel proprio territorio, ha proposto la permuta di alcuni locali e/o il trasferimento in proprietà a titolo gratuito di immobili come da lettera del 16.07.2012. Nella stessa si evidenzia, tra l’altro, che l’occupazione da parte dell’Asl dell’immobile e relative pertinenze della ex Casa di Riposo per Anziani sita in via Salvatore Ciaccia in Torremaggiore, debba essere ancora formalizzata e che, pertanto, in qualità di Assessore al Patrimonio ho dato mandato al Presidente del Consiglio Comunale di revocare la precedente delibera di assegnazione e di stigmatizzare il comportamento indifferente di questa Direzione Generale.
Inoltre, in merito all’utilizzo dei locali comunali dove risulta tuttora ubicato il Consultorio Familiare, si avvisa che è stato affidato il mandato al nostro ufficio legale per il recupero, presso la Vs Azienda, delle somme relative a tutte le utenze attive e dovute a questo Comune, atteso che vi è un inutile utilizzo di strutture comunali, visti gli spazi resisi disponibili dalla chiusura dell’Ospedale.
Intendo ribadire alla S.V. che ogni decisione strategica ed attuativa sulla riconversione dell’ex Ospedale, deve essere concordata con questa Amministrazione e, pertanto, non si condividono alcune ipotesi che stanno circolando negli ultimi tempi riguardo alla realizzazione nel nostro Comune di un Ospedale Psichiatrico Giudiziario, a maggior ragione considerando la mancata piena attuazione degli interventi previsti dal Protocollo di Intesa. Infatti, tale opera non solo non è stata mai condivisa, ma non si comprende come possa essere funzionale al mantenimento di uno standard sufficiente dei servizi socio-sanitari per il cittadino.

Infine, ulteriori ipotesi di riduzione del personale tecnico sanitario operante nell’ex-Ospedale San Giacomo, rischiano di compromettere ulteriormente i residui servizi di radiologia e di analisi cliniche oltre al Punto di Primo Intervento e, quindi, si esprimono forti perplessità in tal senso.
Anche le ultime assegnazioni di ore di attività specialistica ambulatoriale che vedono completamente escluso il nostro territorio, dimostrano che vi è totale disinteresse a garantire servizi alla salute nella nostra collettività.
All’Assessore Regionale, si vuole rammendare che il diritto alla salute oltre ad essere inalienabile, deve essere tutelato in tutte le sedi e con decisione dagli Enti, tanto più in Comuni come il nostro che sta già pagando un prezzo non indifferente al “Piano di rientro e di riqualificazione del Sistema sanitario regionale” sacrificando sull’altare del contenimento della spesa pubblica, il proprio Ospedale che con fatica e molto lavoro era stato acquisito in passato.
I cittadini di Torremaggiore meritano che i loro diritti vengano tutelati e che le loro istanze non restino senza risposta e questa Amministrazione perseguirà ogni azione atta al rispetto della propria comunità.
Certo di un Vostro puntale riscontro, si porgono distinti saluti.

Il vicesindaco
Dott. Enzo Quaranta

Enzo Quaranta - Vice Sindaco del Comune di Torremaggiore (Fg) - www.torremaggiore.com -
Enzo Quaranta – Vice Sindaco del Comune di Torremaggiore (Fg) – www.torremaggiore.com –

Commenti tramite Facebook

Related posts